Bar Luce, Milano

11 settembre 2018

Per gli appassionati di cinema, ma in particolare per i fan delle atmosfere create da Wes Anderson, il bar Luce a Milano è una tappa quasi obbligatoria. Ma per un visitatore casuale della Fondazione Prada vale la pena fermarsi in questo antro di tinte pastello, arredi vintage, bottiglie retrò e torte che non avrebbero sfigurato sul set di The Great Budapest Hotel? tinte pastello e sandwich di qualità La risposta è sì, se si è disposti ad attendere qualche minuto per sedersi ai tavoli interni o se ci si accontenta del self-service al bancone. Il menu è composto quasi interamente da panini, dai classici agli arditi, dai pop ai posh, dai leggeri ai ruspanti. Il pane che accoglie i ripieni è croccante, fa da buon contraltare alle farciture di qualità. Il Fico di Milano prevede prosciutto crudo, brie, scaglie di grana e marmellata di fichi; il Montecarlo è farcito con terrina di foie gras e robiola alla cipolla di Tropea. Per concludere adeguatamente l’esperienza, ordinate anche una fetta di torta: quella dalla glassa rosa zuccherosa ha un pan di Spagna morbido e umido reso goloso da crema chantilly e crema al cioccolato. Servizio gentile ed efficiente.

Bar Luce

  • Indirizzo: largo Isarco 2, Milano
  • Chiusura: martedì
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 02 56662611

I commenti degli utenti