Consorzio, Torino

15 gennaio 2014

Il Consorzio apre a Torino nel 2008 e col tempo diventa un ristorante di livello. L’intento primario era quello di dar vita a un’osteria, un posto dove star bene e mangiare bene: un esperimento indubbiamente riuscito. un menu ricco di presidi slow food e prodotti di eccellenza di ogni regione italiana, dal pomodorino del piennolo all'agnolotto gobbo di Asti Grazie alla passione per le materie prime, i patron Andrea Gherra e Pietro Vergano, assieme allo chef Noriaki Tamizane, hanno riunito nella loro cucina un gruppo di produttori d’eccellenza. Le selezioni sono orientate sulle materie prime locali, rielaborate poi in piatti non solo regionali. Un sapiente viaggio tra i sapori d’Italia, dal pomodorino del Piennolo, all’agnello Sambucano passando per l’agnolotto gobbo di Asti: bocconi intrisi di storie e di ricerca. In menu non si contano i presidi Slow Food e la scelta è davvero ampia e interessante, a partire da piatti classici come la Battuta di fassone o proposte meno usuali come le animelle, i Ravioli ripieni di finanziera e il quinto quarto. La carta dei vini rappresenta la mappa delle passioni dei proprietari, vini autentici spesso naturali o biodinamici. Da provare il Ruchè Cascina Tavijn.

Consorzio

  • Indirizzo: via Monte di Pietà 23, Torino
  • Chiusura: sabato a pranzo e domenica
  • Spesa: entro i 50€
  • Chef: Noriaki Tamizane
  • Tel: 011 2767661

I commenti degli utenti