Enoteca Bordò, Torino

5 agosto 2014

Varcare la soglia dell’Enoteca Bordò è come sentirsi subito a casa. Il locale, che da più di un anno si è spostato (e allargato) nel Quadrilatero Romano della città, ha un’atmosfera calda e accogliente: nelle due sale si susseguono tavoli e sedie in legno, credenze, mensole, libri, persino un camino. Quadretti e piatti in ceramica sono appesi in bella mostra sulle pareti di cui sono state mantenute le volte di mattoni.Un locale poliedrico dove anche il commensale più esigente trova una proposta sempre interessante All’ingresso domina il bancone in legno, dietro al quale Chiara Bordonaro e Michele Isola accolgono i clienti e chi, per una sosta veloce, sceglie di gustare vini, spumanti italiani e champagne francesi, distillati e birre artigianali. Quella dell’aperitivo gourmand è una delle buone abitudini che l’Enoteca mantiene anche in versione estiva: piccoli assaggi dalla carta o creazioni estemporanee che nascono dall’estro di Francesca Bordonaro, alla redini della cucina. La chef, che quest’anno festeggia i vent’anni di lavoro insieme alla sorella Chiara, è appunto l’altra anima dell’enoteca. Prima i ristoranti di famiglia in Toscana, poi la Sicilia e, ancora, Firenze con i Ferragamo. La loro (e quella del Bordò) è una storia di ricordi di tradizioni, di territori, di autenticità del gusto. Per i piatti si attinge a piene mani dalla tradizione toscana, piemontese e siciliana, mescolando emozioni, ricordi e sapori. Tartare di Fassone e pappa al pomodoro, Panzanella con le acciughe alla povera, Polpo in galera e Ravioli di cinta senese e crema di ribollita, o ancora caponata e insalata di trippa e lampredotto. Tra le materie prime di ottima qualità spiccano sicuramente le verdure che arrivano fresche direttamente dall’orto di proprietà a Racconigi, in una tenuta settecentesca: un tripudio di ortaggi ed erbe aromatiche, particolari e poco conosciute, che vengono consegnate anche a casa. Nella vetrinetta rossa delle cose buone, di fronte all’ingresso, c’è una selezione di eccellenze del territorio, tra cui il miele biologico San Lorenzo, lo stesso che è stato scelto da I Lungarno Hotels di Ferragamo a Firenze. Enoteca Bordò è anche contenitore di eventi e serate a tema, luogo di incontro con i produttori e offre un servizio di take away.

Enoteca Bordò

  • Indirizzo: via Carlo Ignazio giulio 4/g, Torino
  • Chiusura: aperto solo la sera tranne sab e dom
  • Spesa: entro i 50€
  • Chef: Francesca Bordonaro
  • Tel: 011 5211324

I commenti degli utenti