Essenza, Milano

27 maggio 2015

Essenza a Milano è quello che mancava, la combinazione vincente in una città che pulsa di idee e che non ha per niente voglia di fermarsi. Eugenio Boer: dalle sue mani escono piatti che fanno riflettere sia il cervello che il gusto, niente è fatto a caso, ogni ingrediente è come un figlio, il menu segue le stagioni e ogni ingrediente è scelto con cura messo apposta per far crescere il piatto sotto ogni sfumatura. E così, con una cucina a vista su un’unica sala dai toni chiari, il commensale sceglie le sue portate, ma soprattutto attende gli amuse-bouche, un giro del mondo in 5 bocconi tra le origini dello chef e dei suoi maestri di cucina. Il menu segue le stagioni, così il Brodo ristretto di legno di castagno, le Creste di trippa e il Risotto al salmerino di montagna passano il timone alla primavera; provare per credere anche i Carciofi, Cynar e liquirizia, la Zuppa pavese, i Tortellini di gambero rosso di Mazara con consommé al bergamotto oppure il curioso Piccione in vacanza nel sud Italia. Sta a voi decidere se scegliere i piatti alla carta oppure farvi conquistare dall’Essenza del Pensiero, dall’Essenza della Tradizione o dalle Sensazioni Vegetali, ossia i menu degustazione. D’obbligo un dolce, magari Lavanda mirtilli, yogurt e polline mangiato nel piccolo dehors esterno, immersi tra fiori e erbe aromatiche.

Essenza

  • Indirizzo: via Marghera 34, Milano
  • Chiusura: domenica
  • Spesa: oltre i 50€
  • Chef: Eugenio Boer
  • Tel: 02 4986865

I commenti degli utenti