Glass Hostaria, Roma

7 febbraio 2014

Varcando la porta dell’ampia vetrina, si viene inghiottiti da un’atmosfera estranea alla movida trasteverina. Dimenticatevi stornellatori, camerieri buttadentro e la sacra triade cacio e pepe, amatriciana, carbonara. il regno di cristina bowerman, ciò che di più lontano potrebbe esserci dalle adiacenti trattorie trasteverine Il legno, il vetro, il metallo e un gusto newyorkese nell’arredo, rendono l’atmosfera moderna e raffinata, come è moderna e raffinata la cucina di Cristina Bowerman: una vita divisa tra gli Usa e l’Italia, raccogliendo e rielaborando sapori nostrani con elementi internazionali, il tutto sviluppato con classe e tecnica. Nasce così un menu mai statico, sempre in continua evoluzione, in base alle stagioni e all’estro di Cristina: dalla ormai classica Tartare di filetto di manzo con arancia, capperi, tobiko, salsa al wasabi e micro verdure, passando per i goduriosi Raviolini di parmigiano 60 mesi, funghi, burro d’Isigny, finendo con il deciso Agnello al sumac, tuberi acidulati, crème fraîche e chips di patate viola. In sala, a coordinare un servizio sempre attento, l’ottimo Riccardo Nocera con la regia di Fabio Spada, compagno di lavoro e di vita di Cristina, che cura personalmente la vasta carta dei vini: un vero e proprio libro, con un occhio particolare al Pinot Nero, il Riesling e tutto il Piemonte vinicolo, regione del cuore di Fabio.

Glass Hostaria

  • Indirizzo: Vicolo del Cinque 58, 00153 Roma
  • Chiusura: lunedì
  • Spesa: oltre i 50€
  • Chef: Cristina Bowerman
  • Tel: 06 58335903

I commenti degli utenti