Il Sorì, Roma

19 febbraio 2014

Un locale che fa del vino il proprio cardine come lo chiamereste? Pasquale Paky Livieri non ha avuto dubbi: il Sorì. Scelta a prima vista singolare, lo diventa meno trovandosi nel quartiere San Lorenzo: unendo il tutto è facile ritornare con la mente al mitico Barbaresco (oggi Langhe Nebbiolo) di Angelo Gaja, il famoso Sorì San Lorenzo. una selezione di vini ampia e ragionata, frutto di ricerca e passione Con questi presupposti non poteva non nascere una bottega enogastronomica di ottimo livello: la selezione di vini spazia in maniera esauriente lungo lo stivale, con un occhio di riguardo per la Campania, attraverso scelte non banali, frutto di ricerca e passione. Nelle incursioni estere, le mete preferite sono la Germania con i Riesling della Mosella e la Francia con lo Champagne, grande passione di Pasquale. Le bottiglie, oltre a essere in vendita per l’asporto, possono essere consumate ai tavoli del locale, accompagnandole con le proposte gastronomiche presenti nel menu. È possibile spaziare dalle classiche selezioni di affettati, formaggi e l’ottima mozzarella di bufala campana, fino a specialità cucinate come lo speziato polpo alla gallega. Molto interessanti gli eventi organizzati nel locale, con degustazioni di produttori emergenti o di bottiglie pazientemente invecchiate.

Il Sorì

  • Indirizzo: via dei Volsci 51, Roma
  • Chiusura: domenica
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 393 4318681

I commenti degli utenti