La Querida, Roma

23 settembre 2014

Una volta percorsa la strada bianca (e piena di buche, andate cauti) immersa nella pineta che porta fino al Centro Equestre Castelfusano, si giunge in un ristorante unico, elegante eppure rustico, con una cucina sostanziosa e raffinata allo stesso tempo. ottimi piatti della tradizione della romanesca, ma la carne rimane la vera star La struttura è composta da due sale principali, terrazzo esterno e 6 piccole sale private, la più insolita delle quali si raggiunge passando attraverso una gigantesca botte. Per orientarvi nella scelta, sia per quanto riguarda le pietanze, sia per il vino, prestate attenzione ai suggerimenti del maître Ludovico, che saprà guidarvi con esperienza. Iniziare con una selezione di antipasti è l’ideale per provare tanti piccoli assaggi, tra cui un delizioso tortino alla ‘nduja e crema di tartufo e le polpettine al sugo. Tra i piatti proposti ci sono gli ottimi primi della tradizione romanesca, soprattutto una cremosa e robusta carbonara servita perfettamente al dente in un cestino di parmigiano. Nel menu della Querida la regina rimane però la carne: il filetto ai mirtilli e la millefoglie di filetto di manzo ai funghi porcini sono sempre scommesse vinte. Per finire in dolcezza ci sono i golosi dessert della casa. Carta dei vini ampia e interessante. È consigliabile prenotare anche nei giorni infrasettimanali.

La Querida

  • Indirizzo: viale del Circuito 68, Roma
  • Chiusura: lunedì
  • Spesa: entro i 50€
  • Chef: Ignazio Marongiu
  • Tel: 06 50917866

I commenti degli utenti