La Santeria, Roma

11 maggio 2014

Al Pigneto, da poco più di un anno, vive questa creatura nata dalla mente Gioia Di Paolo che, con il suo gusto e savoir-faire, ha creato una delle migliori tappe enogastronomiche del quartiere.Accogliente bistrot dal gusto ottocentesco dove trovare panini insoliti e ottimi vini Durante un viaggio in Spagna nasce il concept del locale: la Santeria è un luogo dove esorcizzare il malocchio grazie a vino e prodotti di eccellenza. L’ambiente è da bistrot bohemienne parigino: madame Di Paolo di professione fa l’arredatrice d’interni e, complice la vicina Bottiglieria Pigneto, ha dato vita a uno stile che è un tuffo negli anni ‘20 con incursioni ottocentesche. Passando al menu, la tradizione la fa da padrona: coda alla vaccinara, trippa alla romana, parmigiana, polpette al sugo. Il polpo con le patate è da provare nella versione scarpetta: un assaggio accompagnato da ottimo pane. La Santeria non si limita a questo e propone un’ampia scelta di panini e pagnottelle ripiene di salumi e di formaggi, come ad esempio il Santeria (mortadella Favola Palmieri e gorgonzola Baruffaldi Dolce), il Moustache (speck di Sauris Wolf, taleggio Arrigoni, carciofi) oppure La Traviata, con porchetta d’Ariccia Dino Argentati e maionese al coriandolo. Non manca il Patanegra Bellota al tagliere. Tra i vini in selezione degni di nota i biologici fra cui un’ampia scelta di bottiglie di Marco Carpineti. Gli spumanti sono serviti rigorosamente in coppa, come si addice a una vera madame dell’Ottocento. Volutamente poco visibile, il piccolo locale diventa un avamposto della resistenza culinaria promuovendo anche il formato take away. Il consiglio è quindi di fare un salto in Santeria a togliersi il malocchio e, se per caso vi sentiste circondati da curiosi personaggi d’altri tempi, allora siete nel posto giusto.

La Santeria

  • Indirizzo: Via del Pigneto 111, Roma
  • Chiusura: Domenica
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 06 64801606

I commenti degli utenti