La vineria, Bari

20 maggio 2014

Il vintage a La vineria non è un trucco da design. È nostalgia autentica di un tempo lento come quello che scorre in compagnia di libri e vinili, in un pomeriggio dedicato al decoupage e in una serata di musica dal vivo. Il tempo lento è utile per guardare e riguardare una mostra di fotografie o dondolarsi sulle poltrone di un cinema che non c’è più, godendosi un pezzo di rigenerante cabaret. Ci si diverta a tavola assaggiando gustose varianti delle ricette tradizionali Per tutto questo si è fermato il tempo nel ristorantino a due passi dal lungomare di Bari, ma anche per consentire allo chef Gabriel di infornare pane fresco tutti i giorni, anzi di cuocere i pani di semola integrale, ma anche quelli con semi di lino e di girasole. Il menu cambia pressoché ogni mese, un poco più in fretta ma sempre in accordo con le stagioni. Per divertire gli ospiti con piccole e gustose variazioni su piatti della tradizione lo chef propone la Crema di peperone con la pasta fresca, fagiolini, pomodorini e scaglie di cacioricotta. C’è un pizzico d’Oriente qua e là, come nel Tortino di baccala e rucola, salsa al curry e radicchio al balsamico o nel Salmone in crosta di sesamo e cannelloni ripieni di bufala e spinaci. E per finire c’è il lungomare di Bari, a un passo da qui, il dulcis in fundo.

La vineria

  • Indirizzo: Via Matteo Renato Imbriani 78, Bari
  • Chiusura: a pranzo
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 080 5583489

I commenti degli utenti