Le Giare, Bari

8 maggio 2014

La c aspirata del patron Massimo Lanini è il primo fattore di contagio di questo angolo gourmet uno e bino che, da una posizione non proprio centralissima, se la gioca alla pari con i presidi del gusto di Bari vecchia e dei quartieri limitrofi. Un menu teso tra Puglia e Toscana, in un mix perfetto e accattivante Si può scegliere fra il ristorante-gourmet e il piccolo bistrot: Il Canto dei Bischeri. L’offerta gastronomica è affine e si muove con leggerezza fra Puglia, Toscana e dintorni, come nell’Entrè di salmone, nell’Ombrina leggermente affumicata con capocollo di Martina Franca in crosta al sesamo nero e salsa arlecchino, o in secondi piatti come l’Ossobuco senz’osso col suo midollo e frittatina di spinaci. Il padrone di casa, fiorentino in terra di Bari, è un animale da sala: di un’allegria virulenta, ristoratore di lungo corso che prende per mano l’ospite accompagnandolo nella sua personale recherche alla scoperta dei grandi vini. La cantina è di quelle monumentali, la differenza è che tutto si può gustare al calice, anche le etichette da sogni proibiti, perché Lanini ha fatto dell’educazione enologico-sentimentale, una missione intima e condivisa. Ospiti d’onore a tappe fisse per tutto l’anno i signori della storia enologica che qui arrivano da ogni angolo del Belpaese e oltre: qui parlano i vignaioli.

Le giare

  • Indirizzo: Corso De Gasperi 308, Bari
  • Chiusura: domenica
  • Spesa: entro i 50€
  • Tel: 080 5011383

I commenti degli utenti