Pipero al Rex, Roma

10 marzo 2014

La ristorazione negli alberghi non è il forte della Capitale, se si escludono rare e nobili eccezioni. Pipero al Rex è senza dubbio una di quelle. L’hotel è appunto il Rex in via Torino, a metà strada tra la stazione Termini e rione Monti, quartiere al quale appartiene di diritto. Pipero al Rex è uno dei pochi esempi nella capitale di ottima ristorazione all'interno di un albergoSpecialità della casa è proprio l’oste/star: Alessandro Pipero, prima maître sommelier di Antonello Colonna, poi protagonista di alcune avventure gastronomiche interessanti. Oggi al suo fianco c’è un cuoco di trent’anni, Luciano Monosilio, che in brevissimo tempo ha portato al Rex il riconoscimento più importante del settore: la stella Michelin. Il giovane chef si è rapidamente imposto come uno dei più interessanti della scena romana proponendo una cucina particolarmente originale, elaborata, più ragionata di quanto si potrebbe credere. Piatti decisamente ben eseguiti come lo Sgombro rafano e wasaby e patata in argilla o i Ravioli di pollo al curry e latte di cocco; i Rognoni di coniglio con salsa olandese, germogli di senape e aceto di vino rosso; e la Presa di maiale aglio e arancia, solo per fare un esempio. Il menu cambia spesso ma continua ormai da anni a ruotare intorno a un cardine, il piatto tradizionale che ha inizialmente contribuito al successo del ristorante: la carbonara. Sala, servizio e carta dei vini sono curati personalmente da Alessandro Pipero che non rinuncia a qualche simpatico tocco di ironia, così raro in ristoranti di questo livello.

Pipero al Rex

  • Indirizzo: Via Torino 149, Roma
  • Chiusura: Domenica
  • Spesa: oltre i 50€
  • Chef: Luciano Monosilio
  • Tel: 06 481 5702

I commenti degli utenti