Plancha, Roma

25 gennaio 2016

Creatura nata da poco (l’inaugurazione è dello scorso dicembre), figlia della consulenza della Laurenzi Consulting (lo si evince dalle onnipresenti bottiglie da latte serigrafate), questo piccolo locale è indubbiamente accogliente e sa il fatto suo. tutto alla piastra, dall'antipasto al dolce, passando per carne e noodles La cucina a vista, aperta, non riesce del tutto a contenere gli odori delle grandi piastre e quindi potreste uscire profumando di griglia, ma ne sarà valsa la pena. Lo sarà soprattutto se dal menu avrete scelto gli spiedini di polpo, teneri e saporiti, accompagnati da (fin troppa) insalata e una delicata maionese al polpo. Ottimo anche il tomino alla griglia servito con un chutney molto aromatico. Se avete voglia di qualcosa di diverso da carne e pesce, potete scegliere i noodles declinati in 3 versioni (thai, giapponese, mediterranea) o il riso, da completare con pollo, maiale, gamberi o tofu. Le portate principali comprendono la pancia di maiale, che avrebbe beneficiato di un accompagnamento acidulo e più saporito, e l’asado di manzo. Per dessert cheesecake al lime, tiramisù, mousse al cioccolato con sale Maldon e peperoncino e uno strudel alla plancha, discreto e servito con un buon gelato alla vaniglia. Il servizio è gentile e premuroso, ma la cucina tende a ingolfarsi con la sala piena. Meritano una menzione gli ottimi cocktail.

Plancha

  • Indirizzo: via Bergamo 28, Roma
  • Chiusura: sempre aperto
  • Spesa: entro i 30€
  • Tel: 06 31072361

I commenti degli utenti