Sforno, Roma

31 ottobre 2013

Una pizzeria che vale un pellegrinaggio per tutti coloro che non abitano a Roma sud e che merita sicuramente un assaggio da chi ancora non si è mai spinto verso questi saporiti lidi. Stefano Callegari ha donato nuova vita gastronomica a questa zona fuori dai circuiti turistici, guadagnandosi un posto sul podio delle pizzerie romane e nel cuore di tanti appassionati. S’inizia con i fritti, ottimi e ben fatti: mozzarella in carrozza con ‘nduja, Frascati e porchetta (una gita ai Castelli in un supplì), crocchetta stracchino e speck, anelli di cipolla artigianali e tanto altro. Imperdibile la pizza cacio e pepe, già un classico del localePer le pizze più creative e insolite date un’occhiata alla lavagna, ma sappiate che alcune delle presenze fisse in menu sono veri e propri classici. Un esempio su tutti: la Cacio e Pepe, già tagliata a spicchi, ricca di pungente pecorino grattuggiato e benedetta da un giro d’olio extravergine. Una sorella altrettanto nota è la Greenwich con riduzione di Porto e blue Stilton, ma ogni pizza classica si difende alla grande, in particolare la patate & pancetta (una delle migliori della città) e la gustosissima margherita. Ottimi i dessert, in particolare la crema di mascarpone e il tiramisù. Buona carta dei vini e una curata selezione di birre artigianali.

Sforno

  • Indirizzo: via Statilio Ottato 110, Roma
  • Chiusura: domenica
  • Spesa: entro i 30€
  • Chef: Stefano Callegari
  • Tel: 06 71546118

I commenti degli utenti