Amaretti friabili, tradizione lombarda

19 maggio 2016

Ingredienti per 6 persone

Gli amaretti friabili di Saronno sono dei biscotti secchi a base di mandorle. Esistono due versioni diverse dell’amaretto: l’amaretto di Saronno che ha una consistenza croccante  e l’amaretto Sassello che ha una consistenza morbida ed è maggiormente utilizzato per la preparazione di dolci tradizionali.  Per la preparazione di questi dolcetti bastano pochi passaggi, ma serve molta precisione e attenzione. Per prima cosa, se volete, potete scegliere di utilizzare o le mandorle pelate o la farina di mandorle. La tradizione piemontese vuole anche l’aggiunta di una manciata di mandorle amare nell’impasto. In altre varianti gli amaretti vengono arricchiti con miele, per ottenere un sapore più dolce. Una volta preparato l’impasto è importante disporre gli amaretti su una teglia da forno distanziati l’uno dall’altro: durante la cottura tendono a lievitare e disponendoli troppo vicini si rischia che si attacchino l’uno con l’altro. Nella nostra ricetta abbiamo deciso di mettere l’impasto in freezer per circa 30 minuti e poi dividere l’impasto in palline di due cm di diametro ma se volete potete non far rassodare l’impasto e disporlo sulla teglia con l’aiuto di un sac à poche.

Preparazione Amaretti friabili

  1. 01.Amaretti.Step01Mettete le mandorle pelate, le mandorle amare e zucchero in un robot da cucina; tritando finemente.
  2. 02.Amaretti.Step02Versate il composto in una ciotola e aggiungete gli albumi mescolando fino a ottenere un composto liscio. Avvolgete il composto con un foglio di pellicola trasparente e mettetelo in freezer 30 minuti, fino ad ottenere una consistenza compatta.
  3. 03.Amaretti.Step03Togliete dal frigo l'impasto e dividetelo in palline di 2 centimetri di diametro. Mano mano adagiatele sulla placca da forno, foderata di carta forno. Schiacciate le palline al centro. Cuocete per 20 minuti a 170° C.
Servite con un caffè ristretto.

Variante Amaretti friabili

Se lo desiderate, arricchite l'impasto con un cucchiaio di miele.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti