Baccalà agrodolce alla ligure

8 novembre 2016

Ingredienti per 4 persone

Il baccalà agrodolce alla ligure è un secondo piatto gustoso e saporito. Questa ricetta pur essendo semplicissima necessità di due cotture successive: la prima si realizza friggendo in olio bollente i tranci di baccalà infarinati, una volta dorati, si passa alla seconda cottura, i filetti vengono passati in padella con vino, aceto, zucchero e salvia. Il sapido del pesce incontra con il dolce dello sciroppo di zucchero e l’acido dell’aceto per creare un equilibrio di sapori. Potete scegliere di utilizzare i cuori di merluzzo, famosi per la polpa carnosa, compatta e priva di lische oppure è possibile utilizzare il baccalà, che andrà ammollato per almeno 24 ore prima di essere cucinato cambiando spesso l’acqua di ammollo. È inoltre possibile cucinare il baccalà agrodolce alla ligure anche utilizzando il merluzzo surgelato. Il baccalà, o merluzzo, è un pesce molto versatile e può essere cucinato in svariati modi. Fritto, in padella, al forno, sotto forma di hamburger o di polpette.

Preparazione Baccalà agrodolce alla ligure

  1. baccalà in agrodolce alla ligure (3)Dividete il filetto di merluzzo in tranci di circa 5 cm l’uno e infarinateli uniformemte.
  2. baccalà in agrodolce alla ligure (4)Friggeteli in abbondante olio caldo a circa 180°C fino a quando risultano dorati. Scolateli e poneteli su un foglio di carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso.
  3. baccalà in agrodolce alla ligure (5)In un tegame fate scaldare il vino, l’aceto, lo zucchero, le foglie di salvia tagliate a filetti e l’aglio schiacciato.
  4. baccalà in agrodolce alla ligure (6)Appena comincia a sobollire eliminate l’aglio e aggiungete i tranci fritti di merluzzo. Fate insaporite per 3 minuti.
Servite subito.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti