Biscotti vegani al caffè, semplici e golosi

27 giugno 2017

Ingredienti per 6 persone

I biscotti vegani al caffè sono ideali da servire per la prima colazione, la merenda o anche da portare in ufficio per una pausa energetica. Questi dolcetti si preparano in poco tempo e sono privi di grassi e derivati animali: al posto del burro classico abbiamo usato il burro di soia, ma se preferite potete usare la margarina, anch’essa priva di derivati del latte. Abbiamo quindi preparato la nostra pasta frolla vegana con soltanto cinque ingredienti: farina, burro di soia, zucchero, acqua e lievito, e unito poi il caffè e le nocciole tritate. Ideali per gli amanti del caffè, la granella di nocciole donerà ai biscotti vegani al caffè un tocco di croccantezza in più. Una ricetta perfetta dunque per chi segue un regime alimentare vegano, ma anche per chi è intollerante a uova e latticini. Una volta raffreddati completamente, conservate i biscotti all’interno di una scatola di latta o di una scatola con chiusura ermetica. Provate anche la variante dei biscotti vegani al tè verde.

Preparazione Biscotti vegani al caffè

  1. biscotti-al-caffe-foto1In una ciotola unite la farina con lo zucchero di canna e amalgamate gli ingredienti.
  2. biscotti-al-caffe-foto2Unite il burro leggermente ammorbidito a pezzetti, la granella di nocciole e mezza bustina di lievito per dolci.
  3. biscotti-al-caffe-foto3Sciogliete il caffè solubile in una tazzina di acqua tiepida.
  4. biscotti-al-caffe-foto4Unite il caffè al composto e mescolate in maniera omogenea fino a formare un panetto sodo e leggermente appiccicoso. Se occorre aggiungete un po’ più di acqua.
  5. biscotti-al-caffe-foto5Con le mani leggermente umide formate palline della grandezza di una noce, adagiatele su una teglia, decoratele con un pizzico di caffè solubile e cuocetele a 170°C in forno ventilato per circa 15-20 minuti.
Lasciate freddare e servite.

Variante Biscotti vegani al caffè

Potete aggiungere all’impasto anche il cacao per rendere i biscotti ancora più golosi.

I commenti degli utenti