Borsch: zuppa dell’Est Europa

18 marzo 2018

Ingredienti per 6 persone

Nonostante venga considerata una ricetta tipica della cucina russa, il Borsch in realtà affonda le sue origini nella tradizione culinaria della gastronomia dei paesi dell’Est (Polonia, Lituania e Romania), e in particolare dell’Ucraina. Il colore rosso accesso e la sua consistenza brodosa e al tempo stesso morbida e vellutata, strizzano l’occhiolino alla ricetta andalusa del Gazpacho, dalla quale però si distingue per una ricca varietà di ingredienti. Sotto la superficie liscia e omogenea, accompagnata tradizionalmente da un cucchiaio di panna acida e da qualche ciuffetto fresco di prezzemolo o aneto, si nasconde una base ricca e sostanziosa composta di carne, barbabietole e pomodori. Nonostante del Borsch esistano numerosissime varianti, potendo essere preparato con carne di maiale, di vitello o di pollo e arricchito da verdure, patate o legumi, il vero e proprio segno distintivo è rappresentato dall’immancabile barbabietola: è infatti solo grazie a questo stravagante tubero che si deve tutta la dolcezza e la delicatezza di questa coloratissima zuppa.

Preparazione Borsch

  1. Per prima cosa lessate le barbabietole in abbondante acqua salata fino a che non risultano morbide.
  2. Intanto, in una casseruola con dell’olio fate soffriggere la cipolla tritata finemente insieme all’aglio. Aggiungete la carne e proseguite la cottura per qualche minuto. Unite il brodo, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 40 minuti.
  3. Tagliate le barbabietole e schiacciatele leggermente con una forchetta in modo da creare una crema, unitele al resto degli ingredienti insieme ai pomodori tagliati in piccoli pezzi. Proseguite la cottura per altri 10 minuti mescolando in modo da amalgamare tutti gli ingredienti. Regolate di sale.
  4. Servite il Borsch caldo completando con un generoso cucchiaio di panna acida e prezzemolo fresco.

Variante Borsch

per una consistenza leggermente croccante potete guarnire il vostro Borsch con un mix di semi di zucca e di girasole.

I commenti degli utenti