Castagnaccio

6 novembre 2013

Ingredienti per 4 persone

Il castagnaccio è un dolce tipico dell’autunno molto diffuso in Liguria e in Piemonte, oltre che in alcune zone dell’Italia centrale come ad esempio la Toscana: a Firenze è conosciuto con il nome di migliaccio. Si tratta di un dolce povero creato per utilizzare il più possibile le castagne, alimento base delle popolazioni contadine delle zone appenniniche. Per la preparazione di questo dolce assicuratevi di utilizzare farina di castagne fresca, altrimenti potrebbe assumere un retrogusto un po’ amarognolo. Esistono molte varianti locali che spesso profumano il castagnaccio con l’aggiunta di ingredienti quali rosmarino, scorza d’arancia e semi di finocchio.

Preparazione Castagnaccio

  1. Ingredienti per il castagnaccioIn una ciotola setacciate la farina di castagne per evitare che si formino dei grumi in seguito. Aggiungete circa 500 ml di acqua fredda e mescolate con una frusta. Potrebbe non essere necessaria tutta l’acqua: la quantità da utilizzare varia in base al tipo di farina e alla sua capacità di assorbire liquidi. A questo proposito aggiungete l'acqua poco alla volta fino ad ottenere una pastella liscia e senza grumi.
  2. Castagnaccio da cuocereContinuate a mescolare e unite un cucchiaino di sale fino, 2 cucchiai di olio, l'uva sultanina e la frutta secca spezzettata grossolanamente. Con il cucchiaio di olio restante ungete una teglia bassa e larga e versatevi l’impasto. Il castagnaccio deve essere spesso circa un dito. Mettete la teglia nel forno riscaldato a 200°C e cuocete per circa 55 minuti, finché la superficie sarà croccante e screpolata. Fate raffreddare.
Servite il castagnaccio cospargendo la superficie con una manciata di noci e pinoli.

Variante Castagnaccio

Provate ad aggiungere dei rametti di rosmarino come decorazione per esaltare il profumo della farina di castagne. Potete anche variare la frutta secca utilizzando nocciole o mandorle al posto delle noci. Se lo preferite più secco aggiungete meno acqua e prolungate la cottura di pochi minuti.

Consigli dello chef

Una volta che avete mescolato la farina con l'acqua lasciate riposare il composto per 30 minuti prima di procedere alla cottura. Distribuite la frutta secca sul catagnaccio e versate un abbondate filo di olio prima di mettere il dolce in forno. Se il tempo stringe utilizzate lo stesso composto per fare delle frittelle da cuocere in olio bollente: 5 minuti e sono belle che fritte. Una rigirata nello zucchero semolato e sono pronte.

Luisanna Messeri Bravissima cuoca toscana, ora impegnata a La Prova del Cuoco

I commenti degli utenti