Cipolle borettane sottaceto

23 luglio 2014
di Lisa Pedrini

Ingredienti per 6 persone

Le cipolle borettane sottaceto sono un antipasto che può essere servito in accompagnamento agli affettati. Sono perfette anche come contorno del bollito. Ideali per questo tipo di preparazione sono le cipolle borettane che si contraddistinguono per un bulbo particolarmente depresso ai poli e per un sapore delicato e inconfondibile al tempo stesso. Il nome deriva da Boretto, paese dell’Emilia Romagna dove in origine era coltivata. La semina avviene in primavera e la raccolta in estate. La varietà dorata ha il grosso pregio di conservarsi sino a gennaio-febbraio senza dover ricorrere alla frigo-conservazione.

Preparazione Cipolle sottaceto

  1. Lavate con acqua corrente i vasetti e i tappi. In una pentola capiente distendete sul fondo un canovaccio pulito, disponete all'interno tappi e vasetti. Separate i recipienti gli uni dagli altri con un altro canovaccio. Durante la cottura i vasetti eviteranno di toccarsi e rompersi. Riempite la pentola e i vasetti con abbondante acqua fredda e mettetela sul fuoco medio. Portate a ebollizione e continuate la cottura 25 - 30 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare completamente. Tirate fuori i vasetti e i tappi e lasciateli asciugare capovolti su un canovaccio pulito.
  2. Scottate le cipolle in acqua bollente salata per 2 minuti. Scolatele, fatele intiepidire leggermente e privatele della pellicina esterna. Versate l'aceto in una pentola e portatelo a bollore, aggiungete lo zucchero, l'alloro, il sale, il pepe in grani e i chiodi di garofano. Unite anche le cipolline e fate cuocere per 10 minuti.
  3. Scolate le cipolline borettane e distribuitele nei vasetti di vetro sterilizzati, ricopritele con il liquido di cottura. Chiudete ermeticamente e fate riposare almeno per 1 mese al riparo dalla luce e in un luogo fresco e asciutto.
Inviate le vostre ricette a: redazione@agrodolce.it

I commenti degli utenti