Cornetti alla ricotta, per una dolce colazione fatta in casa

12 ottobre 2016
di Anna Moroni

Ingredienti per 10 persone

Preparazione Cornetti alla ricotta

  1. Mettete in una ciotola farina, ricotta, uovo e un pizzico di sale. Unite un po’ d’acqua e impastate. Versate la restante acqua un po’ per volta, per evitare di realizzare un composto troppo molle.
  2. Trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato. Impastate per ottenere un composto liscio ed elastico. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per 30 minuti.
  3. Trascorso il tempo, togliete l’impasto dal frigorifero e privatelo della pellicola. Sistematelo sul piano di lavoro leggermente infarinato e, con l’aiuto di un mattarello, stendetelo.
  4. Tirate la pasta sottile, a uno spessore di circa due millimetri, cercando di darle la forma di un cerchio. A questo punto, ricavate un disco di pasta, aiutandoci con una fascia d’acciaio rotonda.
  5. Con una rotella tagliapasta, formate degli spicchi di uguale grandezza. Farciteli adagiando sulla parte più larga un po’ di ripieno a scelta: in base ai gusti, potete variare tra le confetture e la crema di nocciole.
  6. Arrotolate ogni spicchio di pasta, partendo dalla parte più larga verso quella più stretta. Sigillate bene le estremità dei nostri cornetti, quindi disponeteli su una teglia rivestita con un foglio di carta forno.
  7. Con un pennello da cucina, spennellate la superficie dei cornetti con il tuorlo. Cuoceteli in forno, a 180°C, per 20 minuti.
Dopo averli fatti intiepidire, spolverateli con lo zucchero a velo e serviteli.

Consigli dello chef

Potete preparare i nostri croissant anche in versione salata. Basta farcirli con prosciutto e formaggio, oppure altri ingredienti, in base ai nostri gusti. Grazie al tempo di riposo in frigorifero, l’impasto diventa poco appiccicoso e più facilmente lavorabile. Se avete tempo, lasciatelo anche più di mezz'ora. Non esagerate con la farcitura, altrimenti non riusciremo ad arrotolare e chiudere bene i cornetti.

I commenti degli utenti