Cosciotto di agnello arrosto

27 maggio 2016

Ingredienti per 4 persone

Il cosciotto di agnello arrosto è un secondo piatto molto saporito e gustoso, perfetto per pranzi o cene speciali, usato prevalentemente nel periodo di Pasqua. La carne di agnello è molto magra, ricchissima di proteine nobili e vitamine del gruppo B, ma ha un sapore molto particolare e intenso, che non tutti apprezzano. Per smorzare questo sapore caratteristico è consigliabile mettere a marinare il cosciotto per almeno 12 ore in un mix di erbe aromatiche e spezie. La preparazione del cosciotto di agnello prevede due cotture, la prima in padella, per sigillare la carne, e poi in forno, facendo attenzione a non far seccare la carne. In questo modo si otterrà una carne molto saporita e croccante esternamente ma morbida e succosa all’interno. Servite l’arrosto con delle classiche patate, dell’insalata o della caponata. Con la carne di agnello si possono preparare anche delle ottime polpette mediorientali, una tajine marocchina o l’agnello cacio e uova abbruzzese.

Preparazione Cosciotto di agnello

  1. Preparate un marinatura con il vino bianco, 4 cucchiai di olio, il pepe in grani, le erbe aromatiche, gli spicchi di aglio, la senape. Massaggiate il cosciotto con questo mix di aromi, mettetelo in una ciotola capiente e immergetelo nella marinata. Coprite con pellicola trasparente e lasciatelo marinate per 12 ore in frigorifero girandolo una sola volta.
  2. Scolate la carne, tamponatela con carta assorbente e rosolatela su tutti i lati in una padella capiente con 3 cucchiai di olio. Regolate di sale e pepe e bagnate con un mestolo di marinatura lasciando sfumare. Trasferite la carne in una pirofila da forno, aggiungete le carote e le cipolle affettate e cuocete per un’ora a 180° C, bagnando di tanto in tanto con il fondo di cottura o dell’altra marinatura. Alzate la temperatura del forno a 200°C e fate cuocere per altri 15 minuti girandola una sola volta durante la cottura. Servite l'arrosto caldo.
Servite caldo.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti