Involtini primavera con spaghetti: cucina cinese

28 luglio 2018

Ingredienti per 4 persone

Gli involtini primavera con spaghetti sono una variante del famosissimo antipasto asiatico. Se c’è un piatto che non può mai mancare all’appello di un qualsiasi menù di cucina cinese che si rispetti, quelli sono gli involtini primavera. Ormai il nome (chan juan in lingua cinese) ne anticipa la fama, rappresentando, insieme al riso alla cantonese e al pollo alle mandorle, una delle ricette più conosciute e apprezzate della cucina orientale. Tuttavia, il successo degli involtini primavera non è solo prerogativa dei gusti occidentali, trovando ampi consensi anche nelle cucine asiatiche di altri paesi, quali: Vietnam, Taiwan, Filippine, Indonesia e Cambogia. Qui gli involtini primavera, lungi dall’essere consumati solo come antipasto, vengono serviti in qualsiasi momento della giornata, declinati in numerose varianti sia dolci che salate. La ricetta tradizionale, tuttavia, prevede un sottile involucro di pasta fillo o carta di riso, ripieno di verdure, germogli di soia, carne o gamberetti, da insaporire con della salsa di soia classica o con della salsa agrodolce. Questa versione con gli spaghetti differisce per l’aggiunta di noodles all’interno della carta di riso così da rendere i vostri involtini ancora più succulenti e sostanziosi, ideali da servire come portata unica o come goloso sfizio durante un aperitivo o un brunch a tema.

Preparazione Involtini primavera con spaghetti

  1. In una ciotola capiente versate abbondante acqua, immergete i noodle e lasciateli reidratare per almeno 15 minuti.
  2. Pulite tutte le verdure: tagliate a julienne le zucchine e le carote, mentre riducete a striscioline più spesse il peperone. Ungete il wok con un filo d’olio, aggiungete il cipollotto tritato finemente e versate tutte le verdure. Fate saltare il tutto per circa cinque minuti e insaporite con la salsa di soia e lo zucchero. All’ultimo aggiungete anche i germogli di soia e i noodles: proseguite la cottura amalgamando per bene tutti gli ingredienti aggiungendo se necessario pochissima acqua. Fate raffreddare.
  3. A questo punto, in poca acqua reidratate per qualche minuto i fogli di carta di riso, posizionate il ripieno all’estremità di uno dei due lati, arrotolate l’involtino e ripiegate con cura i bordi all’interno spennellando i bordi con poco tuorlo per farlo sigillare.
  4. Spennellate la superficie con un tuorlo sbattuto e friggete in abbondante olio di semi bollente fino a che gli involtini non iniziano a dorarsi. Scolateli e adagiateli su carta assorbente per privarli dell’olio in eccesso. Serviteli ancora caldi accompagnandoli con salsa agrodolce.

I commenti degli utenti