Lenticchie in umido

16 novembre 2013

Ingredienti per 4 persone

Le lenticchie in umido costituiscono un piatto molto versatile in cucina, perchè possono essere consumate come contorno, in abbinamento alla carne o elaborate in secondi vegetariani (a forma di polpette o hamburger) dato il loro elevato valore proteico. Le lenticchie in umido vengono preparate spesso nel corso delle stagioni fredde, soprattutto come ingrediente principale di una zuppa o per accompagnare zampone e cotechino durante le feste natalizie. La forma circolare, che ricorda quella delle monete, è spesso ritenuta di buon auspicio, motivo per cui sono consumate soprattutto nelle cene di fine anno. Per realizzare questo piatto possono essere usate tutte le varietà di lenticchie (grandi, rosse, di Castelluccio e così via), ma quelle piccole sono senza alcun dubbio più indicate poiché cuociono in poco tempo, pur rimanendo sode e tenere allo stesso tempo.

Preparazione Lenticchie in umido

  1. Trito per lenticchieTritate molto finemente il sedano, la cipolla e il rosmarino. Lavate, pelate e fate a pezzettini la carota.Versate il trito e il guanciale tagliato in piccoli pezzi in una pentola capiente con olio extravergine di oliva e lasciate rosolare per qualche minuto.
  2. Aggiungete le lenticchie e fate rosolare per altri 4 minuti. Unite i pomodori pelati e lasciate ancora rosolare per 2-3 minuti.
  3. Cottura lenticchieVersate dell'acqua fino a coprire le lenticchie, salate e lasciate cuocere per quaranta minuti circa. Durante la cottura aggiungete poca acqua calda se occorre.
Servite con dei crostini di pane caldi e lardo di Colonnata.

Variante Lenticchie in umido

Per rendere il piatto più saporito potete aggiungere del peperoncino piccante durante gli ultimi minuti di cottura. Per i crostini utilizzate del pane raffermo che passerete sotto il grill per 5-10 minuti ad elevata temperatura.

Vino in abbinamento

Contorno o secondo vegetariano, è un piatto che ben si sposa a rossi leggeri e non troppo impegnativi. Come un Ciliegiolo umbro, preferibilmente vinificato in acciaio, fresco e fruttato, dal tannino levigato e dalla beva non impegnativa.

Alessio Pietrobattista Esperto di vino, collabora con diverse guide del settore

I commenti degli utenti