Malloreddus con ragù alla sarda

6 febbraio 2015
di Andrea Belli

Ingredienti per 4 persone

malloreddus con ragù sono un primo piatto nutriente della tradizione sarda. Questa pasta si realizza tradizionalmente con grano duro, acqua, sale, l’impasto si presenta piuttosto sodo, viene diviso in piccole porzioni. Gli gnocchetti si confezionano con un riga gnocchi. L’aggiunta di zafferano isolano all’interno dell’impasto dona agli gnocchetti fatti in casa un colore intenso. Questo formato di pasta viene realizzato anche industrialmente, le piccole conchiglie rigate si abbinano bene al ragù che che si raccoglie all’interno e aderisce alla superficie porosa. I malloreddus si sposano altrettanto bene con sughi ricchi come quello con salsiccia o semplicemente con burro e pecorino. Il ragù utilizzato in questa ricetta è quello sardo, che si differenzia da quello alla bolognese poiché la carne macinata è sostituita da carne di manzo cotta con polpa di pomodoro, basilico, brodo, pecorino sardo e lardo. Servite i malloreddus con ragù ancora caldi spolverizzando con una manciata di pecorino sardo.

Preparazione Malloreddus con ragù

  1. Tritate finemente il lardo e l'aglio. Versateli insieme all'olio in una pentola capiente e fate soffriggere per 5 minuti circa. Tagliate la carne in piccoli pezzi, unitela al soffritto e fatela rosolare per 5 minuti circa. Versate nella pentola un mestolo di brodo e cuocete a fuoco dolce per altri 30 minuti, facendo evaporare tutto il brodo.
  2. Passate i pomodori al passaverdura e uniteli, insieme a un mestolo di brodo, agli altri ingredienti in cottura, facendo cuocere a fuoco dolce per 30 minuti. Aggiungete il brodo rimanente e le foglie di basilico lavate e asciugate e fate cuocere per 1 ora, di tanto in tanto mescolate e controllate la consistenza del sugo, se necessario allungatelo con altro brodo. Regolate di sale e pepe e continuate la cottura per altri 10 minuti.
  3. Cuocete i malloreddus in abbondante acqua salata. Scolateli e saltateli per qualche minuto nel sugo. Servite con un trito di basilico e altro pecorino.
Inviate le vostre ricette a: redazione@agrodolce.it

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti