Pakora di verdure, frittelle indiane

6 settembre 2015

Ingredienti per 4 persone

La pakora di verdure è una tipica ricetta della cucina indiana facile da preparare e dalla consistenza morbida all’interno e croccante all’esterno. Le pakora sono frittelle in cui le verdure vengono immerse in una pastella a base di farina e poi fritte. Per realizzarle utilizzate peperoni, spinaci e patate, come legante si aggiunge farina di ceci che da all’impasto una consistenza cremosa. Come per tutte le frittelle usate acqua fredda gasata per ottenere uno shock termico e garantire croccantezza alla preparazione. L’aspetto caratterizzante è però l’aggiunta di Garam Masala: una miscela di spezie molto usata in India, per lo più a base di cannella, coriandolo, cumino, grani di pepe, e cardamomo. Se la miscela di spezie è un elemento fondamentale per conferire al piatto il suo sapore tipicamente indiano, per la verdura potete invece aggiungere le varietà che preferite, in base alla stagionalità. La nostra ricetta non prevede l’utilizzo di uova o latticini né di altre proteine di origine animale rendendo le pakora di verdure adatte anche per chi ami la cucina vegana e vegetariana.

Preparazione Pakora di verdure

  1. 00_PakoraVerdure_Step01Lessate la patata e tagliate a dadini il peperone privato dei semi e dei filamenti interni.
  2. 00_PakoraVerdure_Step02Sgocciolate il mais e tagliate a pezzi grossolani la cipolla. Pulite le foglie di spinaci o di rucola e togliete i gambi.
  3. 00_PakoraVerdure_Step03Preparate la pastella versando in una ampia ciotola la farina di ceci e la farina 00, unite l’acqua frizzante ghiacciata, il bicarbonato, il peperoncino, il succo di limone e le spezie. Infine aggiungete le verdure.
  4. 00_PakoraVerdure_Step04Mescolate energicamente. Scaldate l’olio e una volta raggiunta la temperatura, prelevate il composto con l’aiuto di un cucchiaio e friggete fino a doratura. Servite calde o tiepide.

Variante Pakora di verdure

Se desiderate potete aggiungere la verdura che preferite come ad esempio cavolfiore e fagiolini.

I commenti degli utenti