Pangiallo

23 dicembre 2013

Ingredienti per 8 persone

Il pangiallo è un dolce tradizionale della cucina romana, prodotto con una ricetta simile anche in Umbria, come variante del noto panpepato. La preparazione, tipica del periodo natalizio, ha origini molto antiche. Sembra infatti che il pangiallo sia nato nella Roma imperiale quando era abitudine distribuire questo dolce durante il solstizio d’inverno. Il colore giallo, in origine, era conferito dall’aggiunta di zafferano che, insieme alle altre numerose spezie presenti nell’impasto, arricchiva la preparazione di profumi inconfondibili. Con il passare del tempo lo zafferano è scomparso dagli ingredienti della ricetta che è attualmente confezionata con prodotti tipici della stagione: fichi secchi, noci, mandorle, nocciole e pinoli.

Preparazione Pangiallo

  1. Il cioccolato fondente tritatoVersate il miele all’interno di una pentola e fatelo scaldare a bagnomaria. Nel frattempo tagliate a coltello tutta la frutta secca (fichi secchi, nocciole, noci, mandorle, pinoli) e il cioccolato.
  2. L'impasto del pangialloDisponete a fontana gli ingredienti spezzettati, unite il cacao in polvere, 300 g di farina e la scorza grattugiata del limone. Con una spatola, amalgamate tutti gli ingredienti. Quando sono ben infarinati, versate il miele caldo a filo e, continuando a impastare, aggiungete la restante farina (quanto basta a ottenere un impasto compatto).
  3. Il pangiallo prima della cotturaPreriscaldate il forno a 180 ⁰C. Ricavate dei pani di media dimensione e, una volta che sono freddi, disponeteli su una teglia rivestita con carta forno. Infornate a 180 ⁰C per 40 minuti.
Fate raffreddare prima di servire.

Variante Pangiallo

Per ottenere un impasto più morbido aumentate la quantità dei fichi secchi; aggiungete un’abbondante macinata di pepe fresco per un pangiallo piccante.

I commenti degli utenti