Parfait alla frutta con yogurt greco

4 giugno 2015

Ingredienti per 4 persone

Il Parfait è un dessert freddo della cucina francese. Il primo testo che ne riporta la ricetta risale al 1894 e il nome, chiaramente, si riferisce alla creazione di un dolce perfetto. Solitamente il parfait è preparato con una crema realizzata con panna montata, uova e sciroppo di zucchero alla quale si aggiungono altri ingredienti come frutta, cioccolato, liquore e uva sultanina. La popolarità del parfait lo rende adatto a infinite reinterpretazioni, ad esempio in Canada e gli Stati Uniti, si trovano varianti realizzate con il gelato a sostituire la panna montata. Per una versione golosa e altrettanto invitante scegliete di usare yogurt greco bianco al naturale. Aggiungete frutta fresca di stagione: in primavera alternate strati di yogurt alla greca con fragole fresche, pesche in estate e agrumi in autunno e inverno. Scegliete di servire il parfait alla frutta come fine pasto goloso e leggero altrimenti provate a portarlo in tavola per la colazione: farete il pieno di gusto ed energia.

Preparazione Parfait alla frutta

  1. Mescolate lo yogurt colato con il miele e lasciate riposare in frigo.
  2. parfait (1)Lavate accuratamente le fragole, tamponatele con carta da cucina, eliminate il picciolo quindi tagliatele grossolanamente.
  3. parfait (2)Mettete le fragole in una ciotola, aggiungete 2 cucchiai di zucchero di canna, mescolate e lasciate riposare per 10 minuti affinché lo zucchero si sciolga e otteniate uno sciroppo. Tritate grossolanamente le nocciole, mescolatele con i fiocchi di avena e l'uvetta, tenete da parte.
  4. parfait (3)Preparate i parfait: in un bicchiere realizzate un primo strato disponendo un cucchiaio di yogurt alla greca, aggiungete qualche cucchiaio di fragole, quindi unite un po' di fiocchi di avena. Alternate gli strati fino a riempire il bicchiere. Completate con i fiocchi di avena e una foglia di menta. Potete servire subito o lasciare riposare in frigo per qualche minuto prima di portare a tavola.

I commenti degli utenti