Pollo al curry indiano

6 marzo 2014

Ingredienti per 4 persone

Il pollo al curry indiano, il cui nome originale è tikka masala, è un piatto tipico della cucina indiana, molto diffuso anche nel Regno Unito. Le origini di questo piatto sono ancora oggi incerte: la prima rivendicazione è quella che risale agli imperatori dell’impero Moghul ma altre fonti indicano come Glasgow, città della Scozia, come luogo di origine del piatto. Forse è proprio per questo motivo che il pollo al curry indiano è una delle preparazioni più popolari nei ristoranti britannici, dove viene addirittura servita come piatto nazionale. Esistono molte versioni della ricetta, infatti gli unici ingredienti sempre presenti sono il pollo e le spezie. La nostra versione del piatto è stata fatta con il petto di pollo, marinato nello yogurt e in un mix di spezie, e successivamente unito a una salsa di pomodoro arricchita da spezie, yogurt e peperoni. Nonostante la presenza di numerosi ingredienti, è un piatto di facile esecuzione in quanto si basa su due preparazioni differenti: la cottura del pollo e quella della salsa, che vengono unite solo a fine cottura. Una delle caratteristiche del pollo al curry indiano è la presenza di panna, yogurt o latte di cocco nella salsa di pomodoro, che consentono alla salsa di essere delicata e di acquisire il tipico colore arancione. Nonostante l’incertezza sull’origine del piatto, i profumi sono certamente quelli tipici della cucina indiana, che ha le spezie come grandi protagoniste. Il pollo al curry indiano, ovvero tikka masala, viene solitamente servito caldo, accompagnato da riso basmati bollito. Alcune varianti prevedono anche la presenza di pesce o agnello.

Preparazione Pollo al curry indiano

  1. La marinatura del pollo al curry indianoPreparate la marinatura per il pollo: pelate 2 cm di radice di zenzero e 1 spicchio di aglio, grattugiateli e uniteli a 300 g di yogurt; mescolate con il succo filtrato del limone, il peperoncino, il coriandolo, 1 cucchiaino di cumino, 1 cucchiaino di curcuma, un cucchiaio di Garam Masala e 1 cucchiaino di sale. Sciacquate il pollo, asciugatelo e tagliatelo a tocchetti della stessa grandezza; versatelo nella marinata e lasciate insaporire tutta la notte, o almeno 6 ore.
  2. Passato il tempo di riposo prendete il pollo e ponetelo su una teglia rivestita di carta forno, cuocetelo nel forno preriscaldato a 200 °C per circa 15-20 minuti, il pollo dovrà essere ben cotto.
  3. Le verdure del pollo al curry indianoNel frattempo preparate la salsa: tritate finemente la cipolla, grattugiate 1 spicchio di aglio e mondate il peperone privandolo dei semi e dei filamenti interni. In una padella antiaderente scaldate 2 cucchiai di olio di semi e fate insaporire l'aglio e la cipolla, dopo 5 minuti unite il peperone tagliato a listarelle, fate insaporire qualche minuto e aggiungete 1 cucchiaio di Garam Masala, 1 cucchiaino di curcuma, 1 cucchiaino di cumino e 2 cm di radice di zenzero grattugiata.
  4. Le verdure del pollo al curry indianoUnite la passata di pomodoro, salate e lasciate cuocere, con un coperchio, per circa 15 minuti. A fine cottura della salsa unite 200 g di yogurt.
  5. La cottura del pollo al curry indianoQuando il pollo è cotto aggiungetelo alla salsa, fatelo insaporire 5 minuti e servite immediatamente.

Variante Pollo al curry indiano

Sostituite lo yogurt nella salsa con latte di cocco e completate il piatto con coriandolo fresco. Per facilitare la cottura del pollo disponete i bocconcini su degli spiedini e fateli cuocere in forno; quindi toglieteli dagli spiedini e uniteli alla salsa.

Vino in abbinamento

Piatto esotico ma diventato un classico anche della cucina casalinga. I profumi speziati e la complessità gusto olfattiva richiedono in abbinamento un vino con profumi intensi e morbidezza gustativa. Un Gewürztraminer alsaziano per esempio.

Alessio Pietrobattista Esperto di vino, collabora con diverse guide del settore

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti