Pollo al curry

9 gennaio 2014

Ingredienti per 4 persone

Il pollo al curry rappresenta una dei piatti più apprezzati della cucina cinese e di quella indiana, ormai importati e apprezzati anche in Europa, insieme al pollo agli anacardi, al pollo alla paprika e gli involtini primavera. La nostra proposta differisce leggermente dalla ricetta tradizionale anche se questa versione del pollo al curry è comunque vicina ai profumi inconfondibili della pasta di curry e agli aromi della vera cucina cinese. L’aggiunta dell’anice stellato contribuisce a profumare il curry con una nota fresca e dolce, lo zenzero dona la parte acida mentre la pasta di fagioli rossi, oltre alla piccantezza, contribuisce a dare corpo e spessore alla salsa. Abbiamo evitato di stemperare la maizena in acqua per addensare la salsa proprio perché lo spessore è dato dalla pasta di curry, volutamente preparata in precedenza. Chi preferisce può eseguire la stessa ricetta utilizzando le cosce di pollo disossate e tagliate a listarelle, in questo caso fate attenzione perché i tempi di cottura sono leggermente più lunghi. Il pollo al curry può essere servito con riso bianco, ottimo per raccogliere la salsa e stemperare la piccantezza qualora non fosse gradita.

Preparazione Pollo al curry

  1. La preparazione della pasta di curryIniziate con la preparazione della pasta di curry: in un wok scaldate a fuoco basso 1 cucchiaio di olio di semi e rosolate l’aglio con 3 cm di radice di lo zenzero grattugiata finemente; quando raggiungono un colore leggermente dorato unite la pasta di fagioli rossi, la curcuma, la polvere di curry e l’anice stellato.
  2. Sfumate con 1 cucchiaio di vino di riso e, mescolando in continuazione, lasciate tostare le spezie per far amalgamare gli aromi. Aggiungete 4 cucchiai di acqua e proseguite la cottura fino a che non è evaporata completamente. Tenete da parte fino al successivo utilizzo.
  3. Il pollo infarinatoTagliate la cipolla a fettine sottili e il peperone rosso a listarelle. Tagliate il petto di pollo a cubetti regolari per rendere omogenea la cottura. Asciugate il pollo con carta assorbente da cucina e infarinatelo leggermente con l'amido di mais. Nel wok usato in precedenza scaldate 1 cucchiaio di olio di girasole a fuoco moderato e lasciate rosolare le cipolle, aggiungete il pollo e fate rosolare 5 minuti. Sfumate con 1 cucchiaio di vino cinese e subito dopo versate anche la salsa di soia. Aggiungete i peperoni e se necessario portate a cottura aggiungendo un po’ di acqua.
  4. Il pollo al curry in cotturaQuando la carne è bianca aggiungete la pasta di curry preparata in precedenza; lasciate insaporire 3 minuti a fuoco basso mescolando in continuazione. A fine cottura unite i germogli di soia, guarnite con fettine di cipollotto fresco e servite caldo.
Accompagnate il pollo al curry con il riso bianco bollito.

Consigli dello chef

Al termine della cottura, spegnete la fiamma e aggiungete 1 mela golden tagliata a cubetti e una manciata abbondante di mandorle bianche a lamelle.

Christian Costardi Chef del ristorante Christian & Manuel dell'Hotel Cinzia di Vercelli, 1 stella Michelin

Vino in abbinamento

Per l'abbinamento con un piatto dalla chiara connotazione speziata, i cui sapori hanno una decisa persistenza aromatica come il curry, provate un bianco dal profilo gusto-olfattivo altrettanto intenso e di buona gradazione alcolica: un Gewürztraminer o una Malvasia Istriana.

Pier Giorgio Paglia Sommelier Master class

I commenti degli utenti