Polpette di platano, un finger food dal sapore sudamericano

17 ottobre 2017

Ingredienti per 6 persone

Le polpette di platano o bolòn de verde sono un piatto nutriente e molto gustoso, ideali da servire per un aperitivo, buffet o come contorno. Questa ricetta è tipica dell’Ecuador, dove vengono generalmente riempite con abbondante formaggio e servite a colazione accompagnate da uova e pancetta. La nostra ricetta è priva di grassi di origine animale, perfetta anche per chi segue una dieta vegana. Il sapore del platano ricorda moltissimo quello della patata bianca. Queste polpettine sono, infatti, perfette se accompagnate da insalata verde e qualche salsa gustosa come quella allo yogurt o maionese. Il platano è un frutto tropicale ricco di amido del genere Musa, dalla forma affusolata e leggermente ricurva, di massimo 40 cm, dalla buccia spessa e dall’interno color crema tendente al giallo. Appartenente alla stessa famiglia delle banane, tanto che i due frutti sono spesso scambiati, è originario delle Filippine, Australia e Indonesia, è consumato principalmente nel Sud e in Centro America. Se amate questo frutto provate anche le chips o la mousse di platano.

Preparazione Polpette di platano

  1. polpette-di-platano-foto1Su un tagliere iniziate pulendo i platani verdi. Tenete a mente che sono un po’ più duri rispetto alle classiche banane.
  2. polpette-di-platano-foto2Una volta puliti, tagliateli in 3-4 pezzi ciascuno.
  3. polpette-di-platano-foto3Sbollentate i pezzi di platano in abbondante acqua bollente per 4-5 minuti.
  4. polpette-di-platano-foto4Rimuovete dall’acqua i pezzi di platano e trasferiteli in una ciotola. Con l’aiuto di una forchetta schiacciateli bene e aggiungete il latte e la fecola di patate. Mescolate bene fino ad ottenere un impasto non appiccicoso e modellabile.
  5. polpette-di-platano-foto5Con le mani leggermente umide formate le polpettine e cuocetele in forno a 180° C per 15-20 minuti.
Servite tiepidi.

Variante Polpette di platano

Potete aggiungere del formaggio all’interno.

I commenti degli utenti