Rombo in padella con funghi

26 febbraio 2018

Ingredienti per 4 persone

Il rombo in padella è un secondo piatto di pesce gustoso e veloce, preparato con filetti di rombo cotti in padella nel burro e accompagnati da funghi pleurotus e champignon trifolati. Il rombo è un pesce che vive sui fondali, ha un aspetto appiattito ed entrambi gli occhi sul lato sinistro. Le sua carni sono molto delicate e pregiate, perfette per tantissime ricette e abbinamenti in cucina. Il rombo può essere cucinato intero, meglio se al forno, ma anche già sfilettato e in padella. La cottura richiede pochi minuti e il successo è assicurato perché è un pesce molto saporito e non necessita dell’aggiunta di troppi ingredienti. In questa ricetta lo abbiamo accompagnato con un misto di funghi trifolati, profumando il tutto con prezzemolo fresco tritato, ma potete anche cucinarlo semplicemente con un misto di erbe aromatiche.

Preparazione Rombo in padella

  1. rombo-in-padella-1Pulite i funghi e tagliateli in pezzi non troppo piccoli. In una padella capiente scaldate un filo d’olio e una noce di burro, quindi fate soffriggere uno spicchio d’aglio. Aggiungete i funghi e cuocete mescolando spesso fino a quando l’acqua che rilasciano non è del tutto evaporata.
  2. rombo-in-padella-2Regolate di sale ed eliminate l’aglio. Tenete i funghi da parte.
  3. rombo-in-padella-3Pulite e sfilettate il rombo o, in alternativa, fatelo fare al vostro pescivendolo di fiducia. I filetti dovranno essere integri e carnosi, possibilmente senza lische o pelle.
  4. rombo-in-padella-4Nella stessa padella in cui c’erano i funghi, fate fondere un’altra noce di burro e rosolatevi i filetti di rombo in modo uniforme.
  5. rombo-in-padella-5Devono essere cotti e ben dorati. Regolate di sale.
  6. rombo-in-padella-6Aggiungete a questo punto anche i funghi, lasciate insaporire per qualche minuto e servite guarnendo con prezzemolo fresco tritato.

Variante Rombo in padella

Potete aggiungere ai funghi delle olive nere denocciolate, ma anche patate lesse a cubetti o pomodorini.

I commenti degli utenti