Tajarin, dal Piemonte

  • TIPOLOGIA
  • Difficoltà
  • Preparazione
  • Riposo
  • Calorie
30 dicembre 2015
di Serena Franceschini

Ingredienti per 4 persone

I tajarin sono una pasta all’uovo dell’antica tradizione piemontese. Si tratta di un formato simile alle tagliatelle ma di larghezza inferiore: le tagliatelle infatti sono larghe circa 1/2 cm mentre i tajarin sono larghi circa 3 mm. Questa pasta fresca all’uovo di origine piemontese è paragonabile alle strette, pasta all’uovo della tradizione emiliana, hanno stessa dimensione e spessore ma differiscono nell’impasto. La ricetta tradizionale dei tajarin infatti prevede l’utilizzo del solo tuorlo dell’uovo, a differenza della pasta all’uovo emiliana che utilizza uova intere nella proporzione di 1 ogni 100 g di farina. Alcune varianti dei tajarin prevedono l’aggiunta di formaggio grattugiato e qualche cucchiaio di acqua.  I tajarin piemontesi vengono tipicamente conditi con sugo d’arrosto,  tartufo o ragù di frattaglie.

Preparazione Tajarin

  1. tajarin 01Sul piano da lavoro distribuite 250 g di farina a fontana.
  2. tajarin 02Unite i tuorli.
  3. tajarin 03Lavorate con una forchetta, unendo man mano la farina.
  4. tajarin 04Aiutatevi con un tarocco per unire la farina del piano.
  5. tajarin 05Continuate a impastare con i palmi delle mani.
  6. tajarin 06Formate un panetto e coprite con un foglio di pellicola. Lasciate riposare per 20 minuti.
  7. tajarin 07Infarinate il piano di lavoro e lavorate l'impasto: partendo dal centro stendete verso il bordo.
  8. tajarin 08Girate l'impasto di circa 60° e continuate a stendere.
  9. tajarin 09Quando ha raggiunto uno spessore di 2 mm, piegate l'impasto su se stesso: iniziate dai bordi e ripiegateli fino a ottenere una striscia.
  10. tajarin 10Tagliate a metà.
  11. tajarin 11Sul tagliere ricavate i tajarin di 2 - 3 mm di larghezza.

I commenti degli utenti