Tonno sott’olio fatto in casa

4 agosto 2014
di Patrizia Federici

Ingredienti per 4 persone

Il tonno sott’olio è una conserva che di solito compriamo al supermercato. In realtà per realizzare questa preparazione in casa occorrono pochi ingredienti. Preparare una conserva, garantisce l’assenza di conservanti e un sapore ben diverso rispetto al prodotto industriale. Il gusto del tonno così preparato è molto delicato e si adatta alla perfezione agli abbinamenti con la verdura. È ottimo, infatti, per tutta una serie di ricette estive: ridotto in crema farcisce zucchinepomodori, peperoni e anche le uova. Si può servire sia come secondo piatto sia come antipasto. Per una riuscita perfetta del tonno sott’olio fatto in casa procuratevi tranci di tonno fresco da cuocere in un court-bouillon (un brodo) in cui si aggiungono poco aceto e gli aromi. Disposto in vasetti sterilizzati si conserva grazie alla presenza dell’olio extravergine di oliva. Vi consigliamo un olio fruttato leggero che non alteri il sapore del tonno.

Preparazione Tonno sott'olio

  1. Pulite il tonno da eventuali parti ossee o cartilaginee. In una casseruola capiente unite l'aceto, l'acqua, l'alloro, la cipolla e l'aglio non pelato. Portate a bollore a fuoco vivace e lasciate evaporare fino a che il liquido si riduce di un terzo. Aggiungete il tonno e coprite con un coperchio. Fate bollire a fiamma vivace per 5 minuti poi, abbassata la fiamma, lasciate cuocere per mezz'ora. Scolate il tonno e fatelo raffreddare.
  2. Lavate con acqua corrente i vasetti e i tappi. In una pentola capiente distendete sul fondo un canovaccio pulito, disponete all'interno tappi e vasetti. Separate i recipienti gli uni dagli altri con un altro canovaccio. Durante la cottura i vasetti eviteranno di toccarsi e rompersi. Riempite la pentola e i vasetti con abbondante acqua fredda e mettetela sul fuoco medio. Portate a ebollizione e continuate la cottura 25 - 30 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare completamente. Tirate fuori i vasetti e i tappi e lasciateli asciugare capovolti su un canovaccio pulito.
  3. Avendo cura di non frantumarlo inserite il tonno nei vasetti e coprite di olio. Assicuratevi che non si siano formate bolle d'aria dando dei piccoli colpetti ai vasetti. Chiudete ermeticamente e conservate in luogo fresco e asciutto. Il tonno può essere consumato dopo un mese dalla preparazione.
Inviate le vostre ricette a: redazione@agrodolce.it

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti