Trippa al sugo, tradizione contadina

18 dicembre 2015

Ingredienti per 4 persone

La trippa al sugo è un secondo piatto molto saporito e rustico. Si tratta di un piatto povero di tradizione contadina, il suo costo è infatti piuttosto basso ma risulta molto sostanzioso. La trippa è una frattaglia che si ottiene da parti dello stomaco di animali come montone, manzo, vitello e suino. In base alla parte dello stomaco utilizzata si ottiene un tipo di trippa differente. Le più note sono il foiolo ed il millefoglie ricavate dall’omaso ed il lampredotto, tipico toscano, che si ricava dall’abomaso. La trippa che comunemente si trova in commercio è stata sbiancata e precotta, questo procedimento abbrevia notevolmente i tempi di cottura. Inoltre, sebbene la trippa già lavorata risulti meno saporita rispetto a quella naturale, è più sicura perché sterilizzata. Questa ricetta risulta molto semplice da realizzare se acquistate la trippa precotta, per ottenere un’ottima trippa al sugo utilizzate spezie ed erbe che la rendono molto saporita e aromatica. Oltre alle spezie usate potete arricchire la trippa al sugo con cannella, chiodi di garofano, rosmarino, basilico o variarle a vostro piacimento dosandole accuratamente. Servite la trippa con abbondane pane per raccogliere il sugo.

Preparazione Trippa al sugo

  1. trippa al sugo step1Mondate la carota, il sedano e la cipolla, tritateli grossolanamente.
  2. trippa al sugo step2Fate scaldare dell'olio in una padella e fate rosolare le verdure per qualche minuto. Lavate la salvia, eliminate i semi dal peperoncino e tritate tutto finemente.
  3. trippa al sugo step3Lavate accuratamente la trippa e unitela alle verdure, fate insaporire qualche minuto.
  4. trippa al sugo step4Aggiungete la salsa di pomodoro, il concentrato, l'alloro ed il trito di salvia e peperoncino.
  5. trippa al sugo step5Allungate con un bicchiere di acqua e regolate di sale e abbondante pepe. Cuocete per circa 90 minuti, se fosse necessario aggiungete altra acqua. Servite spolverizzando con abbondate parmigiano.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti