Uovo in camicia

  • TIPOLOGIA
  • Difficoltà
  • Preparazione
  • Calorie
  • Ricetta per celiaci
  • Ricetta per vegetariani
13 marzo 2014

Ingredienti per 1 persone

L’uovo in camicia, detto anche affogato o poché, deve essere freschissimo – massimo 3 giorni – affinché riesca bene. Le uova sgusciate vanno fatte scivolare nell’acqua e bisogna cercare, con un mestolo forato, di raccogliere la maggior parte dell’albume intorno all’uovo. Si scola infine con lo stesso mestolo forato e si tagliano le frange dell’albume in modo che l’uovo si presenti intero e ben formato. Le uova vanno rigorosamente cotte una per volta, si servono calde sui crostini di pane, con il bacon e il burro fuso. L’uovo in camicia è uno degli ingredienti principali delle celebri uova alla Benedict.

Preparazione Uovo in camicia

  1. Vortice_uovo_in_camiciaScaldate 1 l di acqua in una pentola capiente e dai bordi alti, fatela sobbollire e aggiungete 2 cucchiai di aceto di vino bianco. Con una frusta girate velocemente per creare un vortice.
  2. Cottura_uovo_in_camiciaVersate delicatamente l'uovo al centro del vortice. Non toccate l'uovo per il primo minuto e mezzo.
  3. Uovo_in_camiciaL'uovo è pronto quando l'albume si è solidificato e il tuorlo è morbido e crudo. Scolate l'uovo con un mestolo forato e tenete al caldo fino al momento del servizio a tavola.
 
Servite su crostini di pane e bacon.

I commenti degli utenti