Zuppa di castagne, nutriente

3 ottobre 2016

Ingredienti per 4 persone

La zuppa di castagne è un delizioso primo piatto autunnale. È una ricetta della tradizione contadina, ricca di sapore e sostanze nutritive. Le castagne hanno una composizione simile a quella dei cereali, contengono numerosi sali minerali e proteine e sono prive di glutine, perfette quindi per chi ha problemi legati alla celiachia. Utilizzate gli ortaggi che preferite come fagioli, ceci o cipolle per rendere la zuppa di castagne una ricetta succulenta, perfetta anche per chi segue un regime alimentare vegano e vegetariano.  Potete realizzare la zuppa usando castagne sia freshe che essiccate; nel primo caso lessatele per circa 30 minuti, nel secondo mettetele in una ciotola e lasciatele in acqua fredda almeno 10 ore prima del loro utilizzo. Potete arricchire la zuppa aggiungendo cubetti di speck, panna da cucina e funghi, preferibilmente porcini, per un risultato più gustoso e saporito.

Preparazione Zuppa di castagne

  1. Con un coltello affilato incidete le castagne e fatele bollire in una casseruola con abbondante acqua salata per circa 30 minuti. Sbucciatele, eliminate la pellicina che le riveste e tenetele da parte.
  2. In una padella antiaderente fate rosolate il porro tritato con 4 cucchiai di olio, il pepe e l’alloro, versate le castagne e aggiungete abbondante brodo vegetale o acqua calda salata. Fate cuocere per 20 minuti, unite la panna e frullate il tutto con un mixer a immersione.
  3. Tagliate a dadini il pane raffermo e fatelo dorare in una padella antiaderente con un cucchiaio di olio per pochi istanti.
  4.  Prendete un'altra padella antiaderente e rendete croccanti le fette di speck senza aggiungere condimento.
  5. Servite la zuppa disponendo le fettine di speck sopra la vellutata e completate il piatto con i crostini di pane e una grattugiata di scorza di arancia.
Servite caldo.

Variante Zuppa di castagne

Provate ad aggiungere alle castagne altri ingredienti di stagione, come zucca o ceci.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti