Home Mangiare Street Food Take away Piade da Chef al Kalamaro Piadinaro di Riccione

Piade da Chef al Kalamaro Piadinaro di Riccione

di Francesca Panozzo

Al Kalamaro Piadinaro di Riccione dal 24 agosto arrivano le Piade da Chef, piadine ideate da Davide Oldani, Vincenzo Cammerucci e Angelo Grasso.

Quando si parla di piada ognuno ha da dire la sua. C’è chi riconosce come piadina solo ciò che è fatto con farina rigorosamente 0, strutto, acqua e sale; chi timidamente si distacca dalla tradizione sostituendo lo strutto con l’olio extravergine d’oliva; al kalamaro piadinaro di riccione dal 24 agosto arrivano le piade di oldani e cammerucci ma c’è anche chi osa, giocando con impasti e farciture. A Riccione, Kalamaro Piadinaro (viale Ceccarini, 134) coniuga l’attenzione per la tradizione con la curiosità di provare accostamenti nuovi e la volontà di andare incontro alle esigenze e ai gusti dei propri clienti. Largo quindi alla farina di farro, di grano spezzato e di grano arso, tutte 100% bio, per gli impasti e grande creatività nei ripieni. Se pensate che le farciture classiche – come prosciutto crudo, squacquerone e rucola o salsiccia e cipolla stufata – non vi tentino abbastanza, potete provare con le speciali, ad esempio quella con wurstel bianco bavarese, crauti e una particolare squacquerone sauce o quella con salmone marinato con salfiore di Cervia, burrata pugliese DOP, spinaci novelli e aneto.

Davide-Oldani_980x571
davide oldani

Ma per chi osa davvero non è ancora abbastanza e dal 24 agosto al Kalamaro Piadinaro arriva la piada dei foodies: 3 Piade da Chef che a partire dalla fine di agosto affiancheranno le oltre 40 tipologie di piadine al momento disponibili in menu. A idearle, prepararle e presentarle, in una serata speciale di assaggi in anteprima, saranno gli chef Davide Oldani del ristorante D’O e Vincenzo Cammerucci – allievo di Marchesi e oggi titolare dell’agriturismo Camì – assieme al maestro gelatiere Angelo Grasso – autore di libri sull’arte della gelateria e docente.

kalamaro

Ai 3 guru della cucina è stato chiesto di raccontare l’evoluzione della piadina dalla azdora allo chef, coniugando tradizione e creatività. Non c’è limite alla fantasia che Oldani, Cammerucci e Grasso metteranno nelle loro ricette per creare una farcitura unica e originale, realizzata a partire da prodotti esclusivamente italiani. E se le ricette sono ancora segrete, siamo convinti che saranno all’insegna del “semplice, ma buono”, da sempre motto del Kalamaro Piadinaro.