Home Cibo Le parti del pesce che non dovremmo buttare

Le parti del pesce che non dovremmo buttare

di Nadine Solano

Come per il maiale, anche del pesce non si butta via quasi nulla: ecco quali parti del pesce spesso trascurate dovremmo usare più spesso in cucina.

Del maiale non si butta via nulla. E nemmeno del pesce: affermazione, questa, che a primo impatto può lasciare perplessi e addirittura suonare come falsa, invece è la verità: andando ben oltre i classici filetti, sono numerose le parti del pesce spesso trascurate che si possono tramutare in gustose ricette. E lo stesso dicasi dei crostacei. Vediamole nel dettaglio.

  1. fegato di rana pescatriceIn cima all’elenco troviamo il fegato della rana pescatrice, ribattezzato foie gras del mare: pregiato, denso di sapore, spalmato sui crostini è una tentazione che non conosce resistenza.
  2. guance di baccalà al pil pilSono invece delicate, quasi vellutate le guance di pesce: in Cina sono considerate i bocconi più pregiati; in Spagna quelle di merluzzo e nasello si servono con il pil-pil, una salsa verde a base di olio d’oliva, aglio, peperoncino e liquido di cottura dei pesci stessi. In Islanda, ancora le guance di merluzzo sono messe sotto sale insieme alle lingue e successivamente affumicate.
  3. lingua di merluzzoForse non si direbbe, ma la lingua di merluzzo è protagonista di diversi piatti sfiziosi: marinata, fritta, preparata in umido. I norvegesi ne vanno matti e la considerano una prelibatezza. E da quelli parti, ovvero nei Paesi del Nord, utilizzano le uova di questo pesce come caviale. In fondo basta soltanto salarle, affumicarle e cospargerle di spezie.
  4. lattume di tonnoCon il tonno, poi, si fanno miracoli, soprattutto in terra di Sicilia. La testa è identificata come la parte migliore, viene cotta al forno. Molti apprezzano anche il cuore (soprattutto per l’antipasto, condito con un filo d’olio), lo stomaco e il fegato, oltre alla lingua e alle guance, naturalmente. E sempre in Sicilia, ma anche in Sardegna, sanno tramutare il lattume (in foto), cioè le gonadi del tonno, in una sorta di conserva salata, messa sotto il peso di tavole e pietre ed essiccata. Il risultato finale è un prodotto solido che ha lo stesso colore della crema, si taglia a fettine e diventa il valore aggiunto delle insalate. C’è chi apprezza anche le interiora del tonno e chi preferisce i polmoni, lavorati con sale marino ed essiccati con ventilazione naturale.
  5. Uova di SalmoneE che dire delle uova di pesce? Un capitolo ricco, ricchissimo. Il caviale e la bottarga sono ben noti, certo. Le uova di merluzzo mandano in visibilio i norvegesi ma si stanno diffondendo anche in altre parte del mondo. I giapponesi hanno da moltissimo tempo introdotto nella loro cucina le uova di salmone, di aringa, di riccio di mare. Ma forse non tutti sanno che i danesi mettono le uova di lompo sulle uova bollite e sui gamberetti, che in Grecia le uova di carpa salate e affumicate sono chiamate tarama e rappresentano l’ingrediente principale della taramosalata, piatto completato da succo di limone, briciole di pane, olio e cipolla. In India friggono le uova di hilsa oppure le schiacciano con olio, cipolla, pepe.
  6. teste di gamberiDel pesce non si butta proprio via niente: ulteriore prova è data dal gustoso fumetto, un brodo ristretto che si ottiene facendo bollire le teste dei pesci, le lische, i ritagli con porro, cipolle, aglio, prezzemolo, pepe nero. Il fumetto di pesce è delicato, quello di crostacei è più deciso e si prepara con i carapaci e le teste. I gamberi sono i più utilizzati, seguiti da gamberoni, astici e aragoste.
  • IMMAGINE
  • GrubStreet
  • Hola Foodie
  • Treat Yourself
  • Nino Castiglione
  • David Rosengarten