Pizza all’americana: i 10 stili più amati

16 Maggio 2016

La consumano in piedi, in metropolitana, come snack ma anche come pranzo veloce o cena, con coltello e forchetta. È il cibo più popolare negli Stati Uniti. È trasversale, mette d’accordo tutti, è amato dai grandi e dai bambini e soprattutto si presta a diversi esperimenti: ci riferiamo alla pizza, che in America sentono ormai come un piatto nazionale. Tanto che ogni città ha il suo stile, che diventa quasi un’identità. Ecco quali sono i 10 stili di pizza più amati negli Stati Uniti.

  1. new york pizza

    New York style

    Il trancio più famoso è il triangolo newyorchese, che nella Grande Mela chiamano combat food per quell’abitudine di consumarla mentre si lavora, guida, cammina, si aspetta la metropolitana. I newyorchesi non ammettono eccezioni: si mangia con le mani e si piega in due. Per questo, quando il sindaco di New York Di Blasio si è fatto fotografare con forchetta e coltello seduto in una pizzeria, si è trovato davanti un coro di proteste. La crosta è rigorosamente sottile e spesso morbida. La versione classica è la margherita o al formaggio, seguita dalla famosa pepperoni.

  2. deep dish pizza

    Chicago style

    Altra città devota alla pizza è Chicago. Siamo nel Midwest, dove difendono a spada tratta la deep dish pizza. A guardarla sembra una torta, e infatti questa pizza ha la crosta spessa e alta. Ricoperta con multipli strati di formaggio grattugiato, mozzarella e pomodoro, può anche essere arricchita con condimenti quali funghi, peperoni, bacon, carne trita e l’immancabile salame pepperoni. Sempre a Chicago, si può trovare la pizza ripiena (stuffed pizza).

  3. pizza napoletana-min

    Pizza Napoletana

    Anche gli americani cominciano ad apprezzarla, soprattutto grazie al lavoro dei nuovi pizzaioli che l’hanno studiata, amata e riproposta in città. La pizza napoletana vera la si riconosce subito: si parte dalla pasta a lievitazione naturale e si finisce con la  cottura in forno di pietra. Il risultato è una pizza dai bordi alti (cornicione) ma dalla pasta morbida e sottile. Spopola la margherita e anche la marinara.

  4. sicilian slice

    Sicilian slice

    Si differenzia dalla New York slice per la sua forma rettangolare; dalla pizza napoletana per la sua cottura nelle teglie e la crosta più spessa. La chiamano Sicilian slice; a New York ha da poco aperto i battenti Filaga, la prima pizzeria  e rosticceria siciliana, fondata da siciliani doc che propone la tradizione della pizza sicula nel cuore del Chelsea Market. La loro versione è più sottile e con gusti che vanno dalla vegetariana a quella con il cavolo nero toscano.

  5. new haven pizza

    New Haven style

    A New Haven, nel Connecticut, pensano di essere gli inventori della pizza. In eterna competizione con New York, questa pizza è cotta nel forno a carbone, ha una crosta molto croccante che è in genere più sottile della pizza della Grande Mela. La forma è oblunga ed è spesso servita su un foglio di carta da forno. I big da queste parti sono Sally’s e Pepe’s.

  6. montanara starita

    Montanara

    Di origine napoletana, deve il suo nome ai contadini che arrivavano delle montagne e che mangiavano panini conditi con sugo di pomodoro, basilico e formaggio. A portarla oltreoceano è stato Antonio Starita, che dalla sua pizzeria nel quartiere Materdei di Napoli, sbarca a New York con Don Antonio by Starita, facendo conoscere ai newyorchesi una pizza margherita fritta che sembra essere diventata un must.

  7. La preparazione dello sfincione

    Sfincione

    Il nome significa letteralmente spugna, e descrive il modo in cui la pasta assorbe gli oli della teglia.  Il risultato è una pizza alta, spugnosa ma con uno strato croccante, condita spesso con cipolle, acciughe e pomodoro, caciocavallo e uno strato di friabile pangrattato.

  8. california pizza

    California style

    Più che per la crosta, che si ritaglia uno spazio minimo anche fisicamente, la pizza in California è famosa per i suoi toppings, i condimenti che lasciano spazio a grandi esperimenti di fantasia improponibili per la cucina italiana, come l’uso dell’avocado.

  9. philadelphia tomato pie

    Philadelphia Tomato Pie

    Una crosta simile a quella siciliana ma ancora più alta è diventata la pizza più famosa di Philadelphia. La salsa di pomodoro è dolce e soprattutto molto densa. Se volete provarla, chiedete semplicemente una Philly.

  10. pizza romana o al metro

    Pizza romana, al metro

    Cotta in una teglia in forno elettrico, la romana in America è conosciuta come pizza al metro, servita dopo essere stata tagliata con le forbici. Assomiglia alla pizza bianca ma con la crosta più alta e soffice e dai condimenti vari.