Home Cibo Ritirati spinaci surgelati per possibile contaminazione

Ritirati spinaci surgelati per possibile contaminazione

di Marta Manzo

Il ministero della Salute ha richiamato dei lotti di spinaci surgelati per possibile contaminazione da mandragora: ecco cosa fare se l’avete acquistato.

Rettifica del 10/10/2017: Le analisi effettuate dall’Ats Milano hanno dato esito negativo: dentro agli spinaci Bonduelle non c’era presenza di mandragora. Il ritiro di alcune confezioni da 750 g di spinaci Millefoglie di Bonduelle era stato richiesto nei giorni scorsi a seguito di un caso di intossicazione di una famiglia nel milanese. Oggetto del richiamo erano stati spinaci surgelati denominati Spinaci Millefoglie (lotti di produzione 15986504 con scadenza 08/2019, 15986506 con scadenza 08/2019, 15995174 con scadenza 08/2019, 16008520, con scadenza 08/2019) confezionati per Bonduelle dall’azienda Gelagri Iberica, Navarra (Spagna), e venduti nei punti vendita Auchan, Esselunga e Simply presenti nel Nord Italia.

Siamo molto contenti dell’esito dell’analisi – ha commentato Gianfranco D’Amico, ad di Bonduelle Italia – per poter rassicurare i nostri consumatori e clienti. La loro sicurezza è per noi una priorità assoluta e la garantiamo continuamente grazie a controlli effettuati su tutta la filiera, a partire dal campo con i nostri agronomi. Confido che i consumatori capiranno che il ritiro dei nostri prodotti è stato solo un atto di responsabilità e prevenzione“.

All’interno degli spinaci potrebbe essere presente mandragora, una pianta infestante velenosa: per questo, il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo delle confezioni da 750g degli spinaci surgelati denominati Spinaci Millefoglie (lotti di produzione 15986504 con scadenza 08/2019, 15986506 con scadenza 08/2019, 15995174 con scadenza 08/2019, 16008520, con scadenza 08/2019) confezionati per Bonduelle dall’azienda Gelagri Iberica, Navarra (Spagna), e venduti nei punti vendita Auchan, Esselunga e Simply presenti nel Nord Italia.

spinaci_contaminati_fattoalimentare

Il prodotto non deve assolutamente essere consumato: a seconda delle quantità ingerite, l’intossicazione da mandragora, che contiene alcaloidi, arrossamenti cutanei, allucinazioni, nausea e vomito, tachicardia e ipertensione, portando in alcuni casi anche alla morte. Poiché non ci sono segnalazioni ulteriori di altre catene che possano essere interessate, per ogni informazione è attivo il numero verde 800903160 (dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30) e la e-mail [email protected].com.

 

  • FONTE
  • Ministero della Salute
  • IMMAGINE
  • Il fatto alimentare