Home How to Junk Food? A Londra dicono No Thanks, almeno su bus e metro

Junk Food? A Londra dicono No Thanks, almeno su bus e metro

di Marta Manzo

Dal 25 febbraio tutta la rete di trasporti di Londra sarà libera da pubblicità dedicate al junk food: gli annunci di cibo potranno solo essere salutari.

Junk food? No, thanks. Almeno sui mezzi pubblici di Londra. Dal prossimo 25 febbraio, infatti, la capitale inglese bandirà definitivamente le pubblicità del cibo spazzatura su autobus, metro e tutta la rete dei trasporti e consentirà di pubblicizzare soltanto cibi sani. Via le immagini e i video di bibite gassate, panini grassi, prodotti ricchi di zuccheri, sale e grassi. Niente cheeseburger, barrette di cioccolato e noci salate, mentre saranno accettate quelle delle noci non salate, uvetta e bevande senza zucchero. Vietato anche solo riportare il nome dei produttori di alimenti e bevande, così come il semplice marchio del ristorante, che sarà permesso apporre soltanto se associato a un alimento salubre.

trasporti di londra

La svolta salutista è stata annunciata dal sindaco londinese Sadiq Khan dopo una consultazione pubblica svolta tra maggio e luglio scorsi. Gli inglesi della capitale hanno votato a furor di popolo, con ben l’82 per cento delle designazioni favorevoli a queste restrizioni.  Sembra infatti che gli inglesi comincino a valutare i rischi di un’alimentazione scorretta e che vogliano invece avvicinarsi a regimi alimentari più sani, anche in funzione di una lotta contro l’obesità che si fa sempre più necessaria, soprattutto tra i bambini con un età compresa tra i 10 e gli 11 anni.

metro-londra

Probabilmente, vista l’enorme affluenza di persone sulla rete TFL (Transport of London), che ogni giorno conta circa 30 milioni di viaggi tra metropolitana, bus, taxi e servizi fluviali sul fiume Tamigi, qualcosa è destinato a cambiare presto.