Mai più senza: gli snack al sapore di albero di Natale

19 Dicembre 2018

Mangiare l’albero di Natale: vi pare un’idea fin troppo balzana, a tratti inquietante? Detta così, in effetti, lo è. Ma aggiungendo invece la giusta dose di fantasia, la prospettiva può cambiare in modo netto. A questo punto sicuramente starete pensando che ci riferiamo a gli intramontabili biscottini oppure a qualche tartina a forma di pino. Invece no: stavolta si va oltre l’estetica. Stavolta entrano in gioco anche le papille gustative. Sì perché Iceland, nota catena britannica di supermercati, ha inventato e messo in commercio chips di patate al sapore di albero di Natale islandese.

L’ingrediente segreto

albero di natale

Le patatine aromatizzate all’albero di Natale lanciate da Iceland, preparate a mano, sono proposte in sacchetti da 180 grammi e costano un dollaro. Neil Nugent, il capo chef dell’azienda, si sfrega le mani per la soddisfazione: “Stiamo ampliando la nostra gamma di prodotti con originali e nuove tendenze. Queste chips risultano leggermente salate e si sente un ‘pizzico di pino’ che crea una combinazione del tutto inedita, diversa rispetto a qualsiasi altro sapore festivo”. Ma a cosa è dovuto il pizzico di pino? All’aggiunta di olio di veri aghi di pino (si utilizza anche olio di girasole).

I pareri di chi le ha provate

iceland-crisps

Una cosa è certa: le chips al gusto di albero di Natale suscitano curiosità. Più di qualcuno ha quindi deciso di investire quel dollaro per provarle. E per riferire, naturalmente, la propria impressione tramite i social. per alcuni sanno di deodorante per ambienti, per altri di dentifricio, ma c'è chi le apprezza I pareri positivi non mancano, però sono quasi tutti legati all’originalità del prodotto. Che, del resto, è innegabile. Ma se si va al nocciolo della questione, l’asino casca e in alcuni casi pure in modo eclatante. Fuor di metafora, il sapore di queste patatine non convince. Qualcuno scrive che è come “mangiare un deodorante per ambienti”, altri le paragonano addirittura al dentifricio. Forse Iceland ha calcato la mano con gli aromi nel tentativo di ricreare – anche in bocca? – l’atmosfera natalizia. C’è pure chi se l’è trovate fra le mani, le ha annusate e poi s’è tirato indietro: “Hanno un buon profumo di saponi, candele e detergenti ma non penso di volerle assaggiare”. Insomma: i detrattori, per il momento, prevalgono decisamente sui sostenitori. Le patatine sono in vendita soltanto in Gran Bretagna, ma se proprio volete provarle potete acquistarle online.