How to: come preparare il tronchetto di Natale

24 Dicembre 2018

Il tronchetto di Natale è un dolce di origine francese tipico del periodo natalizio. Le sue origini sono antichissime: venne introdotto in Francia nel 1945 e da allora è stato sperimentato in numerose varianti. Si tratta di un impasto dalla consistenza morbida, arrotolato e ricoperto di panna o crema al cioccolato e decorato in modo tale da ricordare un piccolo pezzo di legno. Secondo la leggenda, la sera della vigilia di Natale il capofamiglia era solito bruciare nel camino un ceppo di legno che doveva continuare ad ardere fino al 6 gennaio. Si credeva che i resti avessero proprietà magiche e favorissero lo sviluppo. Questo dolce può essere acquistato in pasticceria o, in alternativa, preparato in casa.

  1. tronchetto-di-natale-6-640x400La pasta biscotto. Gli ingredienti principali della pasta biscotto sono uova, farina, zucchero e aromi a vostro piacimento, come limone o miele. Nel caso del tronchetto di Natale dovrete aggiungere anche del cacao amaro in modo da conferire all’impasto già il classico colore scuro che andrete poi a coprire con la ganache al fondente. Il primo segreto per una buona riuscita della pasta biscotto consiste nel montaggio accurato delle uova: dopo aver diviso gli albumi dai tuorli dovrete montare questi ultimi insieme a una parte di zucchero per circa 15 minuti e comunque fino ad ottenere un composto molto chiaro, soffice e spumoso. In una ciotola a parte fate lo stesso lavoro con gli albumi e uniteli delicatamente al composto a base di tuorli. In questo modo, incorporando aria nell’impasto, questo si gonfierà naturalmente durante la cottura senza bisogno dell’aggiunta di agenti lievitanti. Ora stendete in modo omogeneo l’impasto con l’aiuto di una spatola su una leccarda coperta di carta forno per fare in modo che cresca uniformemente durante la cottura, senza rigonfiamenti irregolari. La cottura è sicuramente la fase più delicata, in quanto da questa dipenderà la perfetta morbidezza ed elasticità della pasta nel momento in cui dovrete arrotolarla. Il trucco è quello di preriscaldare il forno in modalità statica a 220 °C e, una volta raggiunta la temperatura, infornare la vostra pasta biscotto per circa 7/8 minuti: non appena vedrete una leggerissima doratura sulla superficie sfornate immediatamente in modo che non si indurisca troppo durante il raffreddamento. Adagiate delicatamente la vostra pasta biscotto su un canovaccio leggermente inumidito e lasciatela raffreddare per qualche minuto.
  2. limoncelloLa bagna. Se avrete rispettato perfettamente i tempi di cottura della pasta biscotto, questa si presenterà già umida e morbida al punto giusto e non avrà bisogno di essere bagnata. In caso contrario, però, qualora sia troppo secca o dura, il rimedio può essere quello di inumidirla con una bagna alcolica o meno. Il consiglio è quello di servirsi di un pennello in modo da dosare la quantità di liquido che andrete ad utilizzare. Quanto al tipo della bagna, preferite un gusto alcolico – per esempio al rum – se il ripieno sarà a base di crema al cioccolato fondente, oppure optate per il limoncello nel caso usiate una farcitura con crema alla frutta. Se invece preferite una bagna analcolica, potete utilizzare semplicemente acqua e zucchero e, magari aggiungere anche del caffè.
  3. mascarpone Il ripieno. Terminata la fase più complessa e delicata della pasta biscotto, è arrivato il momento di liberare la vostra creatività a partire dalla scelta del tipo di crema con cui farcire il vostro tronchetto di Natale. Un grande classico delle festività è la crema al mascarpone che rappresenta un’ottima scelta qualora vogliate arricchire il vostro dolce anche con delle bacche o dei frutti di bosco. Per prepararla non dovrete fare altro che montare a neve ben ferma gli albumi a temperatura ambiente e, a parte, i tuorli con lo zucchero. Unite a questi ultimi il mascarpone e, per ultimo, incorporate delicatamente anche gli albumi in modo che il composto non si sgonfi. Un’alternativa altrettanto gustosa è la crema al cacao, ottenuta aggiungendo alla classica ricetta della crema pasticcera il cacao amaro setacciato: per un tocco in più aggiungete anche qualche cucchiaio di crema alla nocciola.Per una versione leggermente più light, potete poi optare per una crema di ricotta dal sapore più delicato e meno dolce, a cui aggiungere delle amarene sciroppate. O ancora, una crema al latte preparata in questo modo: fate bollire il latte, aggiungete la farina setacciata, la vanillina e lo zucchero. Fatela raffreddare completamente e unite della panna fresca montata.
  4. crema al cioccolatoLa decorazione. E ora ecco la parte più divertente: l’occasione ideale per farvi aiutare dai più piccoli in modo da raddoppiare il divertimento in famiglia. Per ricreare in modo più fedele la possibile la consistenza della corteccia stendete sulla superficie della pasta biscotto della ganache al cioccolato e alteratene il motivo con i rebbi di una forchetta in modo da creare delle linee irregolari. Altrimenti, potete giocare con delle scaglie di cioccolato che andrete a posizionare a spina di pesce sulla superficie e a decorare con dello zucchero a velo. Per realizzarle in casa, sciogliete a bagnomaria del cioccolato fondente, stendetelo con una spatola su un foglio di carta da forno e lasciatelo raffreddare. Quando il cioccolato si sarà indurito, tagliatelo a strisce, staccatele dalla carta e spezzettatele grossolanamente con le mani. Completate poi il vostro tronchetto di Natale con i colori accessi dei frutti rossi e con decorazioni di pasta di zucchero, in marzapane e funghetti di meringa.