The World Restaurant Awards: annunciata la shortlist

17 Gennaio 2019

Vi avevamo già annunciato la longlist dei The World Restaurant Awards, nel 2019 alla loro primissima edizione. Il premio ideato da IMC, in collaborazione con i critici gastronomici Joe Warwick (diretto creativo) e Andrea Petrini, presidente della giuria, vede anche Agrodolce come protagonista, con la presenza tra i giudici della nostra Lorenza Fumelli.  La giuria, bilanciata tra uomini e donne, ha messo insieme la lista e le categorie di ristoranti e chef che saranno premiati il 18 febbraio a Parigi. Oggi 17 gennaio è stata annunciata la shortlist, ulteriore selezione fatta alla lista resa nota circa un mese fa.

Gli italiani in gara

david-hertz-massimo-bottura

Tra i nomi che sono rimasti dalle due selezioni ci sono diversi italiani. Nella categoria No Reservation Required, per i locali dove è possibile sedersi senza prenotazione, troviamo uno dei ristoranti che più ha fatto parlare di sé a Roma (e non solo): Retrobottega. Per House Specials, categoria che tiene conto dei ristoranti con un piatto speciale in menu, c’è la Cacio e Pepe cotta in vescica di maiale del Lido 84 di Riccardo Camanini. Tra gli eventi dell’anno, che nella longlist erano ben 16, figura Al Meni, una delle più vitali manifestazioni gastronomiche italiane, ideata da Massimo Bottura. Ed è proprio lo chef di Modena che figura nella categoria Ethical Thinking con il suo progetto Food for Soul, con i refettori sparsi in giro per il mondo per limitare lo spreco, inducendo a un uso consapevole del cibo. Per Arrival of the Year, ossia la categoria che premia i ristoranti aperti tra il 1 settembre 2017 e il 30 settembre 2018, troviamo DaGorini di Gianluca Gorini: primo ristorante di proprietà per il giovane chef, già alla ribalta con un premio prestigioso. Chiude le fila degli italiani, per la categoria Red Wine Serving Restaurant, il romanissimo Roscioli, ben conosciuto nella Capitale e in patria per la sua cantina.

Big plates: Original Thinking

mangiare al noma

Enigma – Barcelona, Spain
Ikoyi – Londra, UK
Mugaritz – San Sebastian, Spagna
Noma – Copenhagen, Danimarca
Le Clarence – Parigi, Francia

Big plates: Off-Map Destinations

wolfgat

Mil – Maras, Perù
Bootshaus – Klosterpl, Austria
Wolfgat – Paternoster, Sudafrica
Tokuyamazushi – Shiga, Giappone
Riley’s Fish Shack – Tynemouth, UK

Big plates: No Reservations Required

retrobottega

Clamato – Parigi, Francia
Kiln – Londra, UK
Mocoto – Sao Paolo, Brasile
Delifucious – Tokyo, Giappone
Retrobottega – Roma, Italia

Big plates: House Special

lido-84-camanini-cacio-e-pepe

Gazela / ‘Hot dog’ – Portogallo
Yat Lok / Roast Goose – Hong Kong
Obana / Unagi – Giappone
Trishna / Soft Shell Crab – India
Lido 84 / ‘Cacio e Pepe’ cotta nella vescica di maiale – Italia

Big plates: Forward Drinking

mugaritz

Cub – Londra, UK
Mugaritz – San Sebastian, Spagna
Dersou – Parigi, Francia
Amass – Copenhagen, Danimarca
Godenya – Hong Kong, Hong Kong

Big plates: Event of the Year

al-meni-2018

Refugee Food Festival, Francia (e resto del mondo)
Parabere Forum, Norvegia
Al Meni, Italia
Game at Lyle’s, UK
The Presidential Train, Portogallo

Big plates: Ethical Thinking

refettorio bottura

Blue Hill at Stone Barns – New York, USA
Food For Soul – Italia e resto del mondo
Noma – Copenhagen, Denmark
Saint Peter – Sydney, Australia
Silo – Brighton, UK

Big plates: Enduring Classic

Paul Bocuse - Chef Paul Bocuse

Peter Luger’s – New York, USA
Paul Bocuse – Lione, Francia
La Mère Brazier – Lione, Francia
Hyotei – Kyoto, Giappone
Elkano – Bilbao, Spagna

Big plates: Collaboration of the Year

Vespertine X This Will Destroy You, USA
Mirazur X Huilerie Saint Michel, Francia
Cafe Paradiso X Gort na Nairn Farm, Irlanda
Single Thread Farm X Bloodroot Blades, USA
Frantzen X Jacob Marsing-Rossini, Svezia

Big plates: Atmosphere

machneyuda

Punk Royale – Copenhagen, Danimarca
Vespertine – Los Angeles, USA
Chambre Séparée – Gent, Belgio
Astoria Seafood – New York, USA
Machneyuda – Gerusalemme, Israele

Big plates: Arrival of the Year

lo-chef-gianluca-gorini-1024x576

DaGorini – Bologna, Italia
Inua – Tokyo, Giappone
Virtus – Paris, Francia
Angler – San Francisco, USA
Kjolle – Lima, Perù

Small plates: Tweezer-Free Kitchen of the Year

bo.lan

Bo.Lan, Thailandia
Racines, Francia
Black Axe Mangal, UK

Small plates: Trolley of the Year

ballymaloe

Ballymaloe House, Irlanda
Otto’s, UK
The Grill, UK

Small plates: Tattoo-Free Chef of the Year

clare-smyth

Clare Smyth
Alain Ducasse
David Thompson

Small plates: Instagram Account of the Year

alain passard

@little_meg_siu_meg
@mattymatheson
@alain_passard

Small plates: Long-Form Journalism

gold

Lisa Abend – The Food Circus, Fool Magazine
Helen Rosner – What Jonathan Gold meant for food writing, The New Yorker
Jonathan Gold – Anthony Bourdain Opened the Working Class Kitchen to the World, LA Times

Small plates: Red-Wine Serving Restaurant

roscioli

Noble Rot, UK
Roscioli, Italia
Le Baratin, Francia