Capodanno Cinese: 9 ottimi ristoranti dove celebrarlo

29 Gennaio 2019

Il Capodanno Cinese, conosciuto anche come Festa di Primavera o capodanno lunare, non ha una data fissa, ma segue il calendario lunare: nel 2019 cade il 5 febbraio. Lasciato il segno del cane, il 2019 sarà l’anno del Maiale ultimo degli animali dello zodiaco cinese che ha cicli di 12 anni. Il periodo di festa dura 16 giorni, dalla Vigilia di Capodanno fino alla Festa delle Lanterne. si inizia il 4 febbraio per concludere le celebrazioni con la festa delle lanterne I giorni più importanti del periodo di festa del Capodanno cinese sono: la Vigilia, la giornata in cui le famiglie si riuniscono, che quest’anno cade il 4 febbraio; il primo giorno dell’anno, dove si  si fa visita ai parenti e ci si scambiano gli auguri di buon anno; la Festa delle Lanterne, che è l’ultimo giorno del periodo di festa e corrisponde al quindicesimo giorno del primo mese del calendario lunare cinese, e quest’anno è martedì 19 febbraio. Come per il nostro Natale, il rosso è il colore principale della festività, perché secondo la tradizione cinese è un colore di buon auspicio. La cena di Capodanno è definita anche di ritrovo ed è vista come il pasto più importante dell’anno.

Cosa si mangia durante il Capodanno Cinese? Il pesce non manca mai sulle tavole delle famiglie riunite per la cena: la parola cinese pesce suona come la parola abbondanza. Secondo la tradizione mangiare pesce porta denaro e fortuna in abbondanza nell’anno successivo. I ravioli sono un altro piatto immancabile, come la torta di riso niangao, i tang yuan, gli spaghetti della longevità e i frutti della buona fortuna. Se volete celebrare il Capodanno Cinese con un’ottima cena, scegliete uno di questi ristoranti.

Torino

Zheng Yang (via Principe D’Acaja, 61) a Torino è una vera istituzione e la cuoca Silvia Ling interpreta la cucina cinese con attenzione alle materie prime. Il 5 febbraio non perdetevi le prelibatezze che ha ideato per il Capodanno Cinese, una cena simbolica ricca di pietanze invitanti. Tra i ravioli troverete quelli con la sfoglia al nero di seppia e ripieni di seppioline, il raviolo con impasto alla curcuma farcito con gamberetti e lemongrass, e per celebrare l’anno dedicato al maiale ci sarà il maiale della nonna cotto per tre volte con la crosta molto croccante e un raviolo speciale a forma di maiale. Da Chen Lon (via Principe D’Acaja 35/h) si va per assaggiare le teste di leone, le polpette in brodo tipiche della provincia di Jiangsu, e gli zongzi.

MILANO

Per le vie della Chinatown milanese, che ha il suo cuore in via Paolo Sarpi, sono appese lanterne e cartelli di colore rosso, come addobbo sui portoni delle case e dei negozi, e la parata del Dragone è un evento assolutamente da vedere. Si comincia martedì 5 febbraio con il passaggio dall’anno del cane a quello del maiale. Domenica 10 febbraio dalle 14 in via Paolo Sarpi prenderà vita la tradizionale parata in costume. i festeggiamenti si concentrano in zona paolo sarpi, i ristoranti invece sono in giro per la città In largo La Foppa, da lunedì 4 a domenica 10 febbraio 2019, troverete l’installazione di un  gigantesco maiale gonfiabile, alto oltre 3 metri. Tra i ristoranti che festeggiano il Capodanno Cinese, troviamo Mu Dim Sum (via Aminto Caretto, 3): in occasione della festa inserisce una serie di piatti che da tradizione sono consumati per celebrare il capodanno. Non sarà un menu degustazione e non sarà ristretto alla serata del 5 febbraio ma durerà l’intera settimana. Tra le proposte in assaggio il tang yuan, una pietanza cinese preparata con farina di riso glutinoso, può essere a scelta vuoto o ripieno. La farina di riso glutinoso è amalgamata con una piccola quantità d’acqua per formare delle palline, cotte e servite nell’acqua della loro bollitura. Altra specialità in menu è il Bái Qie Ji o White chicken: apparentemente un semplice pollo bollito intero, accompagnato da una salsa di scalogno e zenzero, che richiede esperienza per ottenere la perfetta cottura e un pollo succoso e saporito.

Da Bon Wei (via Castelvetro, 16-18) avrete l’occasione di provare la cucina dello chef Zhang Guoqinge. Il 4 febbraio preparerà le polpette dolci di riso (tang yuan) farcite con crema di sesamo e cosparse di polvere di fagioli gialli e zucchero di canna; l’astice duojiao nello stile dell’Hunan; maiale agropiccante saltato con peperoni rossi, funghi mu-ehr e bambù; hong fàn di riso rosso con uova, salame cinese e maiale essiccato. Da Ba Asian Mood (via Carlo Ravizza, 10) il dim sum sarà il grande protagonista delle festività: comprende una vasta gamma di piatti leggeri da servire insieme al tè cinese. Fiore all’occhiello saranno i kuo tie, ravioli di carne brasati.

FIRENZE

Il Fulin Luxury Chinese Experience (via Orsini, 113/r) festeggia con un nuovo piatto per entrare nell’anno del maiale. Lunedì 4 febbraio dalle 20, accanto al Riso Fulin, al granchietto morbido, agli intramontabili fagiolini Fulin con foglie di olivo marinate o all’anatra laccata (su richiesta)  potrete assaggiare il nuovo piatto Fantasia di Maiale, che regalerà un gusto leggermente piccante e la succulenza della carne di maiale sarà alleggerita dal fresco sapore del prezzemolo cinese, dal dolce sapore del peperone e dal bambù.

ROMA

In piazza Vittorio Emanuele II  il 9 e il 10 febbraio ci saranno incontri e spettacoli con esibizioni di arti marziali, danze tradizionali e non mancherà la parte dedicata alla cucina cinese e alla scrittura, mentre al  teatro Argentina si esibirà l’Opera di Pechino che suonerà la Turandot. Tra gli indirizzi dove mangiare cinese a Roma e godersi la magia del Capodanno cinese spiccano il Green T (via del Piè di Marmo) – che per l’occasione ha studiato piatti speciali come i Ravioli di granchio con caviale di pesce volante – e Dao (viale Jonio, 328-330) che offre anatra alla pechinese, mazzancolle al vapore piccanti, ravioli di salmone e manzo alle erbe, zenzero e germogli di soia.

NAPOLI

Il pomeriggio di lunedì 4 febbraio la piazza del Gesù sarà colorata di rosso per festeggiare l’arrivo dell’anno del maiale con una manifestazione organizzata nel Centro Storico di Napoli e dall’associazione culturale Ciao Cina,  che prevede danze e canzoni con il coro Mulan. Tra i ristoranti cinesi dove festeggiare segnatevi anche il Bella Cina (calata San Marco 15/16), uno dei migliori indirizzi per mangiare cinese in città.