Brunch a Bologna: 7 locali dove impigrirsi durante il weekend

8 Febbraio 2019

Per quanto Bologna sia notoriamente sinonimo di tortellini, lasagne e tagliatelle al ragù, anche all’ombra delle Due Torri sta prendendo sempre più piede la cultura del brunch, e con essa i locali che hanno introdotto questa formula di ristorazione caratterizzata da ritmi rilassati, sapori invitanti, chiacchiere e condivisione autentica. La domanda sorgerà ora spontanea: dove recarsi per consumare il pasto più importante del weekend? Beh, La Grassa vi offre l’imbarazzo della scelta, dunque per farvi orientare in questo mare magnum di locali, ecco alcuni dei nostri brunch di Bologna preferiti.

  1. Grand Hotel Majestic (via dell’Indipendenza, 8). Voglia di un’esperienza di lusso? Allora l’eleganza delle Sale ‘800 e ‘900 di questo esclusivo 5 stelle L situato a pochi metri da piazza Maggiore, sono la location perfetta per voi. Per gli amanti dei dolci una carrellata di brioche, pancake, torte e yogurt naturale. Per quanto riguarda il salato, spazio alle tradizioni del territorio con un’ampia selezione di salumi e formaggi (serviti con focaccia e tigelle), tra cui lo squacquerone di Romagna con fichi caramellati all’aceto balsamico. Naturalmente immancabili per un brunch che si rispetti, uova strapazzate con bacon e salsiccia, salmone affumicato con burro salato di Isigny e pane tostato, arrosto di tacchino alle erbe, insalata di farro e verdure. Il brunch è servito dalle 12 alle 15, a 30 €.
  2. I Conoscenti (via Manzoni, 6). Per chi vuole immergersi in una dimensione più intima e discreta lasciandosi alle spalle la folla del centro cittadino, I Conoscenti (sito nell’omonimo palazzo trecentesco) offre un salotto in stile Belle Epoque dove gustare un ottimo brunch. Le proposte sono assai variegate: club sandwich, pancetta laccata al miele, mini hamburger di wagyu, crostoni con burro salato e acciughe, toast con salmone. Tra le proposte Eggs è invece possibile scegliere tra omelette, scrambled eggs e uova alla Benedict. Non mancano naturalmente proposte dolci tra cui segnaliamo: torta al mascarpone, muffin al cioccolato, banana flambé con mousse al cioccolato, pancake e American cake. Il prezzo? Un menu composto da 1 proposta Main course, 1 proposta Eggs e 1 proposta Dessert, ha un costo di 20 €. Il brunch è servito dalle 11.30 alle 15.30.
  3. Papparè (via de Giudei, 2). Un brunch sotto le Torri? Papparè è sicuramente il posto giusto. Qui il brunch non ha una formula fissa ma è possibile combinare, a proprio piacimento, le varie proposte alla carta diversificate rispetto a quelle previste durante i giorni feriali. Spazio dunque, tra le altre cose, alla particolarissima Soup in a bread, ossia vellutata di cipolla di Tropea, zucca e patate, servita in terrina di pane; ai Green tacos farciti con hummus, soia edamame, mais, misticanza e germogli; ai variegati menu delle Colazioni dal mondo tra cui è possibile scegliere tra American e English Breakfast, Greek Toast, Desayuno Espanol o Deutsche Fruhstuck. Il prezzo varia naturalmente in base a ciò che è ordinato durante il brunch, che può essere consumato la domenica e nei giorni festivi dalle 9 alle 15.
  4. Wood Gastrobar (via San Vitale, 26/A). In questa centralissima location, uno Yummy Brunch a 15 € con scelta tra burger di quinoa e barbabietola, croque monsieur, sformato di verdure e French toast. A una di queste prelibatezze potrete affiancare uova strapazzate, tortillas con salsa guacamole, insalata, chips di patate alla paprika, un mix di cerali o delle verdure saltate con olio aromatizzato allo zenzero, e – dulcis in fundo – della crostata di ricotta e limone o una fetta di torta del giorno, e pancake con frutta di stagione, crema di nocciole, yogurt o sciroppo d’acero. Le bevande (caffè espresso/deca/americano, orzo o tè) sono incluse.
  5. Rosarose – Bistrot Bolognese (via Clavature, 18/b). In questo storico locale situato nel cuore del Quadrilatero, potrete optare per 3 diverse tipologie di brunch: Veg (15 €), Classico (18 €) e Bolognese (25 €), anche se le prime due hanno tuttavia alcuni elementi in comune quali pane, burro e marmellata; yogurt con frutta, miele e muesli, una fetta di torta della casa e, per dissetarvi, un centrifugato di frutta/verdura di stagione, caffè o tè. Se la vostra scelta ricadrà sulla proposta vegetariana, potrete assaporare cruditè di verdure in pinzimonio e bruschette con pomodoro e basilico. La proposta classica prevede invece uova strapazzate con pancetta, patate schiacciate al prezzemolo e crescenta bolognese con mortadella. Infine se vorrete fare un brunch in perfetto stile bolognese (o Colazione dei campioni), potrete farvi conquistare dal sapore delle classiche lasagne, che vi saranno servite in abbinamento a una spuma di mortadella con crostini, crescentine e prosciutto crudo, tenerina al cioccolato e caffè.
  6. Olmo (via G.Ercolani 1/d). Un brunch pre-match che vi dia la giusta carica per supportare con accanimento gli atleti della Virtus o della Fortitudo? Proprio fuori al PalaDozza troverete questo accogliente localino che, per i pochi commensali che possono prendere posto al suo interno, propone – dalle 11 alle 15.30 e a un costo pari a 15 € – un brunch in perfetto stile British con occhio di bue o uova strapazzate, pancetta stufata, salsiccia, funghi, pomodori, fagioli in agrodolce e pane tostato; una proposta Vegana composta da panelline di ceci, insalatina di stagione, patate al forno, gallette vegan ai semi di sesamo e hummus piccante di carote; o ancora qualche opzione alla carta come i bagel con ripieni gourmet.
  7. Zoo (Strada Maggiore, 50/a). E se vi proponessimo un brunch allo Zoo? No non stiamo parlando di un giardino zoologico, ma di un carinissimo locale poco distante dalle Due Torri. Qui, circondati dalle creazioni in esposizione di crafter locali, libri per bambini e dal profumo di dolci appena sfornati, potrete gustare – il sabato e la domenica dalle 11 alle 15 – un ottimo brunch spendendo tra i 16 e i 20 €. Bagel al salmone, uova strapazzate, pancake, waffle, insalatine, centrifugati di frutta e tanto altro, è quello che potrete trovare incluso nei ben 8 menu, con proposte dedicate anche ai più piccoli (pensati per chi vorrà concedersi un brunch con prole al seguito), ovvero ai celiaci o a chi deve prestare particolare attenzione alla propria alimentazione.

Clicca qui per visualizzare la mappa