Latte di piselli: l’ultima alternativa vegetale al latte di mucca

2 Aprile 2019

Il latte di piselli fa bene, anzi fa benissimo. Non fate battutine, non è uno scherzo: il latte di pisello è ufficialmente entrato nella big family delle alternative vegetali al latte di mucca. È stato lanciato sul mercato statunitense dalla ditta Ripple Foods e, giurano i suoi creatori, è una bevanda quasi miracolosa. Ah, non è verde: è ricavato dalla variante gialla del pisello.

Pregi e difetti del latte di pisello

Dalla Ripple Foods fanno sapere che il latte di pisello non è solo ricco di proteine vegetali (8 grammi per 240 ml) ma anche di potassio, ferro e calcio; è ipocalorico ed è povero di carboidrati. Insomma, stiamo parlando di un prodotto molto interessante sia per i vegani che per chi segue una dieta e desidera perdere peso. C’è però una precisazione importante da fare: questo latte è addizionato di minerali, vitamine e acidi grassi omega 3 DHA; la presenza di tali sostanze benefiche, dunque, non è un pregio innato bensì il risultato di un intervento esterno. Aggiungiamo che la bevanda in questione è indicata per gli intolleranti al lattosio, certo, ma preclusa a chi è allergico alla soia, alle arachidi e in generale ha problemi con le leguminose.

Sapore e consistenza

Il latte di pisello è più consistente delle altre tipologie di latte vegetale, risulta quasi cremoso. No, non sa di pisello cotto, state tranquilli. Ha un gusto gradevole, piuttosto dolce. La Ripple Foods propone quattro varianti: normale (un po’ zuccherato), sugar free, vaniglia e cioccolato.

Come usarlo

Naturalmente, il latte di pisello può fare in tutto e per tutto le veci del latte vaccino; quindi essere usato per la preparazione di frappè e frullati, consumato insieme ai cereali, aggiunto al caffè per macchiarlo. Qualcuno lo utilizza serenamente anche per fare creme dolci e salate. Forse è meglio evitarlo, tuttavia, quando si ha voglia di un cappuccino. Più in generale, è preferibile consumarlo freddo.

Come prepararlo in casa

In Italia, non c’è da meravigliarsi, il latte di pisello non è ancora reperibile. Ma se proprio volete provarlo, sappiate che la preparazione casalinga è tutt’altro che complessa. Sciacquate con cura 350 grammi di piselli secchi gialli, fateli bollire a fuoco lento in 950 ml di acqua per un’ora e mezza, quindi lasciateli raffreddare e frullateli con 850 ml di acqua fino a ottenere un composto omogeneo. Filtrate il vostro latte di piselli con un apposito filtro oppure una tela di cotone.