Naviglio Rosso, il primo vino nato a Milano

9 Maggio 2019

Naviglio Rosso è il primo vino nato a Milano. Come la maggior parte degli abitanti del capoluogo lombardo, non ha ascendenti del tutto milanesi: le uve provengono dall’Oltrepò pavese. Ma l’ideazione, la vinificazione e l’imbottigliamento sono tutti avvenuti presso Cantina Urbana, la cantina in via Ascanio Sforza 87 che ha alzato la clèr nello scorso autunno.

Cantina Urbana è nata da un’idea di Michele Rimpici: sull’alzaia del Naviglio Pavese, a poche decine di metri dai locali serali e notturni più noti, è un luogo senza troppe decorazioni in cui si fa il vino, con botti in rovere, acciaio, perfino enormi anfore in terracotta. Dallo scorso gennaio si può anche sedere a uno dei pochi tavoli disponibili per un aperitivo o una degustazione dei vini proposti dagli osti, tutti ideati da Cantina Urbana e realizzati dagli amici del Wine Collective, gruppo di viticoltori e produttori che condividono un’ideologia produttiva povera di solfiti e ricca di tradizioni e sapori locali, dal Veneto al Piemonte.

Il primo vino ideato e realizzato integralmente da Cantina Urbana è però Naviglio Rosso: i vitigni, provenienti dall’Oltrepò pavese, sono il Croatina e, in percentuale molto minore, il Barbera. un rosso nordico, fresco ma intenso che si abbina bene ai piatti del territorio L’affinamento è avvenuto in acciaio, barrique di rovere e terracotta: la miscela in bottiglia (75% anfora e 25% barrique) contiene così il sentore della liquirizia e delle spezie donato dal legno, ma conserva anche i fiori e i frutti del vino stesso, grazie alla pulizia della terracotta. Un rosso nordico, secondo la definizione di Rimpici, fresco ma intenso, con una punta di acidità, che ben si abbina a piatti dello stesso territorio: formaggi a pasta molle, selvaggina, risotto e ossobuco. Prodotto in 2.500 bottiglie, con una gradazione di 13 gradi e mezzo, Naviglio Rosso sarà disponibile in degustazione e in vendita a partire da giugno, dopo le ultime settimane di assestamento in bottiglia.

In estate arriverà anche il secondo vino di Cantina Urbana, il Naviglio Bianco, un Riesling dal sapore di frutta estiva e dall’aroma floreale; ma chi cerca qualcosa di immediato può già assaggiare e acquistare le altre creazioni del Wine Collective per Cantina Urbana: il Milano bianco e rosso per aperitivi zero stress; il Tranatt bianco, rosato e rosso, che miscela uve del nord e uve del sud affinate nelle anfore di terracotta; El Mòs, frizzante, che sposa il gusto milanese con i vigneti trevigiani. Chi volesse approfondire il discorso può inoltre pre-iscriversi al Wine Collective Club: un circolo per appassionati che potranno partecipare a eventi dedicati, ricevere anteprime e prodotti esclusivi, prendere parte a gite alla scoperta delle aziende del Wine Collective.