NipPop 2019: parole e forme da Tokyo a Bologna

15 Maggio 2019

Presso la sede del Comune di Bologna – Quartiere Santo Stefano (via Santo Stefano, 119), il 17-18-19 maggio si svolgerà l’evento #FoodPop: Giappone da Gustare organizzato da NipPop, il cibo sarà il tema centrale di nippop 2019 a bologna associazione senza scopo di lucro il cui obiettivo è quello di promuovere la cultura giapponese con particolare riguardo a quei fenomeni – cinema, anime, musica e TV – che negli ultimi decenni hanno contribuito in modo determinante alla diffusione della cultura nipponica nel mondo. Quest’anno, per la sua nona edizione, NipPop si concentrerà su uno dei temi che animano il panorama culturale contemporaneo: la food culture e la riscoperta dei sapori. La cucina giapponese, infatti, pur essendosi affermata a livello internazionale già a partire dagli anni ’80 – quando il sushi iniziò a conquistare Stati Uniti ed Europa – solo negli ultimi anni ha raggiunto una popolarità globale.

Parallelamente, anche in Giappone la cucina è diventata un tratto distintivo dell’identità individuale, culturale e locale, e le pratiche alimentari specifiche di ogni regione sono divenute un vero e proprio national brand. NipPop 2019 vuole riflettere su questi temi ma anche sulle rappresentazioni del cibo nell’arte, nell’animazione, nel manga e nella letteratura. Nel romanzo Il ristorante dell’amore ritrovato, ad esempio, Ogawa Ito (celebre scrittrice giapponese, pluri-premiata in patria e in Italia, e che sarà una delle ospiti d’onore della manifestazione) racconta l’amore per la cucina, gli ingredienti e la preparazione del cibo attraverso gli occhi e la voce della sua protagonista: “Con le mani appena lavate, tastai con estremo garbo quei prodotti della natura, avvicinandoli uno a uno al viso, e parlandoci a occhi chiusi, come fossero piccole creature appena nate. Senza che nessuno me l’avesse mai insegnato, eseguivo sempre questo rituale prima di iniziare a cucinare. Ascoltavo la voce degli ingredienti, con il naso e con le guance. Sentivo, annusavo, mi accertavo della loro condizione e domandavo come preferissero essere cucinati. E loro, puntualmente, mi rispondevano e mi suggerivano il modo più appropriato”.

La cultura contemporanea in tutte le sue forme sta, in sintesi, assumendo un ruolo fondamentale non solo nella costruzione e definizione della cultura del cibo, ma anche nel connotare la cucina con nuovi significati, come dimostra la presenza di quello che sarà uno dei grandi protagonisti dell’evento: Hirohiko Shoda, conosciuto dal grande pubblico come Chef Hiro. Noto agli spettatori italiani per la sua partecipazione a La Prova del Cuoco e per la sua trasmissione Ciao, sono Hiro su Gambero Rosso Channel, lo chef ha saputo infatti conquistare gli appassionati con la sua simpatia e cordialità, unite a un’idea di cucina di cui amore, cura del prodotto e rispetto della natura sono i principali ingredienti.