Basta cat cafè: in Giappone arrivano i porcellini del Mipig Cafè

24 Maggio 2019

Sono finiti i tempi dei neko cafè, con i gatti a scorrazzare per i locali, e la sfida arriva ancora una volta dal Giappone. A Meguro, quartiere piuttosto vivace di Tokyo, ha aperto da un paio di mesi il MipigCafè, un coffee shop in cui si può sorseggiare un tè o un caffè coccolando contemporaneamente dei piccolissimi maialini. Il locale, inaugurato nel marzo scorso, si sviluppa su 3 piani: una volta entrati e tolte le scarpe all’ingresso, dopo aver indossato le ciabattine è richiesto di lavarsi le mani per toccare i giovani animali, che scorrazzano liberi tra i tavolini. Giovani perché si tratta dei cuccioli della specie nana, di 4, al massimo 6 mesi, che poi cresceranno fino a raggiungere un centinaio di chili.

A sovvenzionare il caffè, che fa parte di un più ampio progetto di allevamento per maiali da compagnia, è stata una vincente proposta di crowdfunding, pubblicata sul portale Camp-Fire. I fondatori del caffè speravano di raccogliere 2 milioni di yen, ma si sono ritrovati in mano il doppio dell’importo, che stando alla descrizione della campagna utilizzeranno per creare in Giappone un ambiente in cui questi animali possano essere amati in famiglia esattamente come oggi vale per i cani e i gatti.

Pur non essendo considerati come animali domestici in Giappone, infatti, i maialini sono da qualche anno molto popolari, soprattutto negli Stati Uniti. Sono effettivamente animali molto intelligenti ed espansivi, amano molto le coccole, gli piace essere grattati e, stando ad alcune ricerche, condividerebbero con noi un ricco patrimonio genetico. “Vorremmo che i giapponesi – hanno concluso quindi i fondatori di Mipig in una dichiarazione – sentissero più familiarità con l’animale e alla fine questo diventasse un vero membro della famiglia“.